Questo sito contribuisce alla audience di panorama

BMW Z4: è arrivata la terza generazione


Ritorna la capote in tela e non cambia lo stile, elegante e sportivo. Ecco la nuova roadster BMW

di Andrea Bressa

L’attesa è ormai finita. Al Salone di Parigi 2018 (4-14 ottobre) farà il suo debutto ufficiale la terza generazione di BMW Z4, iconica roadster d’alta gamma dell’azienda di Monaco di Baviera. Un assaggio di quello che ci aspetta è però già stato dato da BMW in occasione dell’ultimo Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, durante la Monterey Car Week, negli Stati Uniti. Lì è stata infatti presentata la versione in serie limitata First Edition (da cui le immagini) con l’allestimento più performante del catalogo, l’M40i.

Sono passati dieci anni dall’uscita della seconda generazione e ben sedici dalla prima versione di BMW Z4. Sono tempi lunghi (rispetto agli standard riservati a modelli così importanti), dettati per lo più dai dubbi che BMW ha nutrito sulla effettiva realizzabilità di un nuovo progetto Z4. La domanda fondamentale è stata: c’è ancora mercato per una roadster ipersportiva? Evidentemente sì: magari si parla di un pubblico di nicchia, ma comunque molto affezionato e attento.

Un ritorno alla tela

La nuova BMW Z4 apparentemente non sembra aver cambiato molto il suo aspetto, segno della centralità di uno stile che ha conquistato non pochi ammiratori negli anni. Da notare un elemento che guarda alle origini e che avevamo già segnalato quando venne presentato il concept lo scorso anno: ritorna infatti la capote in tela, un dettaglio decisamente elegante che aiuta anche a mantenere leggeri il peso e il risultato estetico.

Motore e prestazioni

Non ci sono dettagli precisi al momento sul ventaglio di opzioni disponibili per quanto riguarda gli allestimenti. Intanto però il modello presentato a Pebble Beach monta un powertrain incoraggiante dal punto di vista delle emozioni alla guida. La propulsione è affidata a un possente motore M TwinPower Turbo, un 6 cilindri in linea da 3 litri in grado di sviluppare fino a 340 cavalli di potenza, abbinato a freni sportivi, ammortizzatori adattivi e pneumatici ad hoc.

Tecnologia

L’altro elemento di novità è rappresentato dalla tecnologia, ovviamente all’avanguardia. Per la prima volta sulla roadster BMW sono presenti i proiettori adattivi a Led. All’interno dell’abitacolo spiccano i due schermi digitali. Quello più grande dedicato all’infotainment e quello più piccolo pensato per la strumentazione. L’impianto audio è firmato Harman Kardon.

Per ulteriori dettagli su allestimenti e prezzi della nuova BMW Z4 bisogna attendere il Salone di Parigi.