Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Teatro, 5 spettacoli da non perdere


Spettacoli, performance e azioni teatrali da segnare in agenda

di Valentina Lonati

L'estate volge al termine, ma non i festival teatrali. Punto focale delle rassegne sarà la contaminazione tra le arti: attraverso dialoghi, incontri ed esperimenti urbani si cercheranno nuovi linguaggi per raccontare il presente. Ecco cinque appuntamenti con il teatro, la danza e con la poesia dell'atto scenico.

Forlì. Crisalide.
Una successione di atti performativi e di pensiero: potrebbe essere definito così Crisalide, festival giunto alla 25esima edizione organizzato dalla compagnia teatrale forlivese Masque Teatro. Tema di quest'anno è L'Esperienza Selvaggia: lo spettacolo diventa un momento coinvolgente e multisensoriale, esercizio viscerale di azione e di osservazione. Sul palco del Teatro Felix Guattari e presso la Fabbrica delle Candele, si alterneranno le performance di alcune delle compagnie più acclamate della scena artistica nazionale, oltre a laboratori, letture, dialoghi e incontri. Tra gli appuntamenti più attesi, la riflessione di Renzo Martinelli e Francesca Garolla di Teatro i tratta dallo spettacolo Tu es libre (l'8 settembre): «Sappiamo accettare una libertà per cui la vita non è un valore? Una libertà per cui l’individuo non è bene prezioso da difendere ma solo funzione/frammento di una comunità? Una libertà che contempla la morte?», mentre venerdì 14 settembre ci sarà il debutto di Macbetto o la chimica della materia, nato dalla collaborazione tra Teatro delle Albe, Masque teatro e Menoventi. Tra gli incontri da non perdere invece, i Dialoghi delle sfere e delle imprese condotti dallo storico del teatro Raimondo Guarino, e il laboratorio intensivo Nachstens, mehr! (Presto, di più!) di Claudia Sorace e Riccardo Fazi, fondatori di Muta Imago. Forlì, teatro Félix Guattari e Fabbrica delle Candele, fino al 16 settembre.

Milano. Milanoltre.
Per la sua 32esima edizione, la rassegna di danza contemporanea Milanoltre guarda a oriente, e in particolare ai linguaggi espressivi della Corea del Sud e della Cina. Anticipato dalla preview del 17 settembre con Bach Project, primo appuntamento del network MilanOltre/MiTo Settembre Musica/Torino Danza, il festival diretto da Rino De Pace debutterà al Teatro Elfo Puccini di Milano con un appuntamento, il 27 settembre, dedicato ai cortocircuiti tra danza contemporanea, hip hop, arti marziali e danza rituale con il focus sulla compagnia Laboratory Dance Project di Seoul e le sue coreografie più celebri come Look Look di Dong-kyu Kim e No Comment di Chang-ho Shin. Imperdibile poi Louise Lecavalier (il 28/29 settembre), regina della danza contemporanea canadese, che presenterà “I” is Memory, un solo creato con Benoît Lachambre. Tra gli interpreti italiani, Lara Guidetti, che ha sviluppato la coreografia itinerante A (1) bit (il 30 settembre), e Simona Bertozzi, che oltre a presentare Prometeo: Architettura-Milano (il 5 e il 6 ottobre), è autrice e interprete di Anatomia (il 14 ottobre), un intenso dialogo tra corpo biologico e corpo sonoro. Milano, Teatro Elfo Puccini, dal 27 settembre al 14 ottobre. Anteprima il 17 settembre.

Milano. Tramedautore.
Indipendenti e inquieti: sono i giovani drammaturghi protagonisti di Tramedautore - Festival Internazionale delle Drammaturgie, diretto da Michele Panella e ideato da Outis – Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea. Negli spazi del Piccolo Teatro Grassi e del Chiostro Nina Vinchi, per quasi dieci giorni andranno in scena alcuni dei testi più interessanti scritti da giovani autori italiani e internazionali. Ad aprire il festival venerdì 14 è Il Nullafacente, scritto da Michele Santeramo e diretto da Roberto Bacci, storia di un uomo che non vuole “piegarsi alla vita” e che si interroga sul vero senso della felicità. La critica sociale sarà anche al centro di altri spettacoli, come nel caso di Human Animal (il 16 settembre) del collettivo La Ballata dei Lenna, che prende spunto dall’ultimo romanzo di David Foster Wallace, Il re pallido, per parlare dell'alienazione lavorativa, oppure, il 21 settembre, di Più carati della compagnia Gli Omini, che svela la fragilità delle relazioni umane quando entra in gioco il denaro. Milano, Piccolo Teatro Grassi e Chiostro Nina Vinchi, dal 14 al 23 settembre.

Roma. Short Theatre
È il teatro che si diffonde, che si lascia contaminare e che cambia forma quello di Short Theatre, rassegna romana dedicata alle arti performative e alla creazione contemporanea giunta alla XIII edizione e diretta da Fabrizio Arcuri. Con 120 appuntamenti, tra cui 6 prime assolute, 9 prime nazionali, 2 produzioni originali, 4 co-produzioni, 2 progetti in residenza, 9 laboratori e 2 progetti site-specific, Short Theatre colonizzerà gli spazi de La Pelanda, Teatro Argentina, Teatro India, e di alcune biblioteche di Roma. A fare da trait d'union sarà il tema Provocare la realtà, che lancia una sfida agli artisti: quello di modificare la realtà attraverso la scena, costruendo riflessioni sul corpo e sulle sue implicazioni politiche e sociali. Tra gli appuntamenti clou, la prima nazionale di Antonio e Cleopatra di Tiago Rodrigues (il 6 e 7 settembre), e The Quiet Volume, la performance, che inscena la lettura come gesto intimo e quotidiano di Ant Hampton e Tim Etchells, in scena dal 10 al 15 settembre. Tantissimi poi, gli appuntamenti con la musica, il cinema e la letteratura, grazie a un fittissimo programma di incontri, laboratori ed esperimenti urbani. Roma, varie location, dal 6 al 15 settembre.

Roma. Gala.
Nell’ambito di Short Theatre e alla rassegna di coreografia Grandi Pianure, un appuntamento con la grande danza contemporanea. Il 9 e il 10 settembre, al Teatro Argentina di Roma verrà infatti presentato il nuovo lavoro del pluripremiato e acclamato coreografo francese Jérôme Bel: Gala. Protagonisti del palco saranno venti danzatori romani non professionisti che sfideranno l'autorità del palco con la propria voglia di esprimersi. Liberi e imperfetti, saranno materia duttile nelle mani di Bel, che ne esplora la plasticità fisica e la duttilità intellettuale. Il risultato sarà una vera e propria festa con cui si celebrerà la danza nella sua essenza più pura, spontanea e dinamica, priva di regole e aperta a tutti. Roma, Teatro India, il 9 e il 10 settembre.