Questo sito contribuisce alla audience di panorama

John Bock, l’arte dell’assurdo in mostra


Una personale dell’artista tedesco alla Fondazione Prada di Milano

di Micol De Pas

Il teatro dell’assurdo va in mostra. Nelle performance e negli allestimenti di John Bock, che espone i suoi lavori negli spazi della Fondazione Prada di Milano. Una ricerca, la sua, a base di scampoli di realtà, di piccole porzioni di vita quotidiana, da mescolare sapientemente a dosi di ironia e irriverenza, che si traduce in opere immersive per il pubblico. Che entra nell'opera e la vive direttamente, oppure viene irretito dalla messa in scena teatrale in una scenografia che è già essa stessa opera d’arte.
Due grandi installazione provenienti dalla collezione Prada e un allestimento site specific pensato da Bock stesso compongono la mostra dal titolo  The Next Quasi-Complex. Le performance per Bock sono lecture, a sottolineare l’intento dissacratorio e parodistico verso le presentazioni accademiche, ambientate in un contesto quotidiano, fatto di oggetti d’uso comune, di recupero o anche di scarto, a formare, però, universi assurdi o illogici, pronti ad accogliere i visitatori. I quali si trovano in un mondo fatto di umorismo nero, filosofia, economia, moda e vita quotidiana. Una summutazione, per usare il termine esatto con cui l’artista definisce le sue performance, ovvero ciò che resta dopo un elezione o dopo le riprese di un film. La summutazione perfetta, infatti, avviene quando tutto questo è abbinato ai video girati durante le performance: è il risultato visuale dell’opera stessa.
Un progetto concettuale, ma anche molto coinvolgente. Lütte mit Rucola  (2006) nasce dall’omonimo film in cui l’artista recita il ruolo di un pazzo omicida che fa a pezzi la sua vittima ancora viva. Nel contesto del Podium (alla Fondazione Prada), il set del film diventa installazione, ricreando il salotto in cui si è svolta la tortura. Il pubblico ne diventa testimone osservando la ricostruzione da un balcone che si affaccia sulla scena. When I’m looking into the Goat Cheese Baiser  (2001) è una scenografia mobile utilizzata da Bock durante una delle sue performance: un assemblaggio caleidoscopico di arredi scenici che aspettano solo di prendere vita nelle mani dell’artista, così come documentato nel video della “lecture” tenutasi a New York nel 2001.
L’8 settembre la Fondazione Prada ospiterà una performance durante la quale John Bock e gli
attori Lars Eidinger e Sonja Viegener attiveranno il palco di "When I’m looking into the Goat Cheese Baiser" , muovendosi all’interno del Podium “come una mosca intorno a una carcassa”.

John Bock,  “The Next Quasi-Complex
Fondazione Prada Milano, 18 luglio - 24 settembre.