Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La Tokyo dei love hotel, dei design museum, delle goth loli


Alla scoperta della capitale giapponese. Dalla notturna Shibuya ai templi shintoisti, allo shopping di Harajuku, la città è sempre accesa

di Luca Bergamin

Dimenticate la sensazione di smarrimento che un film come Lost In Translation trasmette. A Tokyo, a differenza di quanto accade nella pellicola diretta da Sofia Coppola, non ci si sente mai soli e soprattutto si ha sempre qualcosa da fare, e da vedere.  

A cominciare da Harajuku, dove le ragazze dettano le ultime tendenze della moda “mescolando” i capi vintage con quelli delle griffe di Omote Sando, la via dove le maggior griffe del mondo espongono le loro collezioni: e poi così abbigliate e acconciate entrano nei santuari shintoisti come quello di Meiji Jingu oppure siedono tra le tombe dell’antico cimitero di Asakusa.

Contaminare la tradizione con la contemporaneità: ecco la legge della città. Roppongi è il distretto del design, con il 21-21, il Mori Museum e il NACT nuovi indirizzi dei creativi, però basta prendere la metropolitana (dove nessuno telefona o parla ad alta voce!) per ritrovarsi tra i lottatori di sumo di Ryogoku oppure tra i fedeli del tempio di Senso ji.

E, ancora, ecco i pescatori di Tsukij, il mercato ittico più grande del mondo, dove il sushi e il sashimi sono freschissimi e soprattutto squisiti,  e le goth loli e i maid cafè di Takeshita dori che raccontano il volto più infantile e verginale di questo Paese che impazzisce per i manga. E soprattutto per l’elettronica e la tecnologia: ad Akihabara, nei mall ci sono video giochi avveniristici ma anche old style che attirano migliaia di persone.

Mai quante, comunque, si incontrano e quasi scontrano appena calano le luci della sera a Shibuya e Shinjuku dove, comunque, non si ha mai l’impressione che sia notte perché tutto resta aperto: i negozi, i locali dove bere birra dopo una giornata di lavoro estenuante. E anche i love hotel in cui consumare un amore clandestino.

E un modo davvero autentico e genuino per vivere un viaggio a Tokyo è quello di dormire in una vera casa in stile giapponese (www.japan-experience.com), tra mobili minimalisti, pareti in carta di riso, sedendosi a prendere il tè al pomeriggio, cucinando il riso e tagliuzzando il pesce: sentendosi così un po’ come tra le pagine di un romanzo di Murakami.