Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Salone del Mobile 2017, dove andare prima e dopo


I locali e gli hotel dove fare una pausa, divertirsi, mangiare qualcosa e dormire durante la Milano Design Week

di Chiara Degl’Innocenti

Il Salone del Mobile sbarca a Milano e i suoi riflettori illuminano anche locali nuovi e hotel di design. Tutti da appuntare in agenda (anche per un passaggio successivo). Chi vuole concedersi un caffè, fare una pausa relax, divertirsi e dormire in città tra Monte Napoleone e la zona della stazione Centrale, fino a raggiungere il quartiere Isola troverà il posto giusto. Curiosi? Pronti per la maratona, via.

Cucina Vegan-gluten free In zona porta Nuova c'è il Soulgreen, il bistro vegan di piazzale Principessa Clotilde che si propone con una cucina dichiaratamente plant-based dove sono banditi i prodotti di origine animale e quelli che contengono glutine. Perfetto per uno stop a pranzo o a cena, il locale è armonizzato dal gusto dello stile industriale dell'ambiente con accenni minimal incorniciati da una vegetazione che scende dal soffitto.  

Jap a pranzo Il Casa Ramen raddoppia e da via Luigi Porro Lambertenghi, da febbraio scorso, è attivo in via Ugo Bassi, non troppo distante. Il locale è davvero minuscolo superaffollato di tavoli e profumi d'oriente. Qui, è tutto da provare: dai ramen, alle zuppe con noodles di pasta fresca annegati in brodo di carne o di alga.

Un caffè di design Per chi cerca la novità assoluta della pausa di tendenza, il secondo flagship milanese di illicaffè è da tenere in considerazione. Ancora da inaugurare, aprirà in via Monte Napoleone proprio per Salone del Mobile puntando tutto sulla buona tazzina di espresso degustata con calma in un ambiente che riconferma il solido legame dell’azienda con il mondo del design, del fashion e del food.

Astice a cena Chi al Salone farà tardi potrà fermarsi poi al LabMoscova dove si può cenare fino a notte fonda. I piatti sono solo cinque e quasi tutti a base di astice, accompagnati da drink mixologist e champagne. Il format nasce dall’idea di Mimmo Gravino e Nico Guido, già proprietari del Vasinikò, un locale moderno con arredi bianchi e verdi, scritte sui muri e un'installazione di sedie che, rispetto all'altro, propone un menu tipico partenopeo.

Design vintage tra le lenzuola Amanti delle atmosfere vintage? Secondo una classifica stilata da HotelsCombined, il servizio gratuito che permette di confrontare e prenotare qualsiasi offerta alberghiera disponibile online in una sola ricerca, tra i numerosi stranieri che arrivano a
Milano durante il Salone del Mobile, la scelta del soggiorno ricade su alloggi dal forte richiamo di design. Tra quelli consigliati c'è The Yard, un boutique hotel nel cuore dei Navigli che ricorda lo stile londinese arricchito da dettagli d’epoca. Dalla hall alle camere, qui non lesinano bauli e cappelliere, trofei sportivi, antichi oggetti di uso quotidiano riconvertiti a complementi d'arredo. Ma che siate italiani o no, se siete appassionati di sport, tra le 28 suite a tema dell’hotel, troverete di sicuro quella giusta.

Dormire all'Enterprise Ricercato recupero industriale, elementi dal design contemporaneo, atmosfera dai tratti orientaleggianti. Queste sono le keywords dell’Enterprise Hotel che, in pieno centro, esprime lo spirito creativo e innovativo di Milano tra design moderno e tradizione. Dove? In corso Sempione.

Notte al museo Un’altra new entry a Milano, vicino alla Stazione Centrale, è il Nyx Hotel che vanta già un primato: si tratta, infatti, del primo albergo-museo che ospita al suo interno opere di street art realizzate da 13 tra artisti e writer italiani di fama internazionale. Qui arte, musica e design si fondono e fanno entrare nel mood giusto del Salone del Mobile.