Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La montagna per chi non scia, 20 cose da fare


Non tutti amano sciare o lanciarsi da piste affollate. Ecco le alternative più divertenti da provare in vetta: slittino notturno, ciaspole, snowpark…

di Chiara Degl’Innocenti

Con l’arrivo della neve c’è chi non vede l’ora di mettersi gli sci ai piedi e chi, invece, non perde occasione per sfruttare tutte le altre attività che la montagna offre. Ecco una lista di 20 divertenti alternative allo sci da provare in quota.

A Cortina, in Veneto, per un pomeriggio diverso in alta quota l’attività dello slittino e una buona alternativa allo sci che si combina anche con escursioni a piedi o con le racchette da neve. In località Guargnè, a Mietres, è stata dedicata allo slittino un’intera pista lunga un chilometro. Su prenotazione, sono possibili cene al nuovo Rifugio Mietres anche con salita in motoslitta. Tra i percorsi più divertenti da provare la discesa dal Rifugio Dibona, da 2.037 metri, e quella dal Rifugio Ra Stua dove i tratti pianeggianti si alternano a quelli più ripidi. Il rifugio Scoiattoli-5 Torri, che si raggiunge in circa due ore di camminata o, più comodamente in seggiovia, offre per chi vuole rilassarsi anche una sosta nella panoramica vasca a botte. Prima della discesa dal Rifugio Croda da Lago (circa due ore) è consigliata una pausa-relax nella sauna finlandese in riva al lago Federa.

A Courmayeur, in Valle d'Aosta, il nuovo Grand Hotel Mont Blanc, di fronte ai prati del Villair, in un luogo magico, con vista sul massiccio del Monte Bianco e sul ghiacciaio della Brenva, offre a chi non ha mai messo gli sci ai piedi un tapis roulant installato nel prato retrostante l’hotel che permette di testare il materiale, sci e snowboard, direttamente noleggiabile sul posto, e fa scoprire ai principianti l’emozione della prima piccola discesa sulla neve senza dover affrontare skilift e sciatori provetti. Il Royal& Golf, con i suoi duecento anni di storia e ospiti illustri, tra cui la regina Margherita e il poeta Giosué Carducci, fa della sua posizione centrale il punto di forza per chi non scia ma ama lo shopping, tanto che si trova circondato da boutique e scorci romantici nel centro di Courmayeur.

Chi ama sciare sa che Innsbruck, in Austria, offre 9 comprensori sciistici e 300 chilometri di piste da raggiungere in soli 20 minuti grazie al nuovo impianto firmato dall’archistar Zaha Hadid. Il monumentale trampolino da salto con gli sci del Bergisel è diventato per gli appassionati degli sport invernali il nuovo simbolo della città. Ma per chi non scia? Un accogliente caffè in vetta inviata a godersi sole e relax, mentre i più temerari possono provare la discesa sul bob o su un wok gigante da quattro posti. L’Après ski qui fa tendenza. Basta prendere la funicolare per raggiungere l’Alpenlounge Seegrube, la zona chill out più in quota di Innsbruck dove al Cloud9, propongono drink ghiacciati all’interno di un gigantesco igloo.

In Carnia, in località Davost, c’è una pista di pattinaggio su ghiaccio illuminata, aperta anche di sera. Il grande centro sportivo per il tennis, volley, basket, sala pesi, sala tatami offre una valida alternativa a chi vuole fare attività sportiva senza calzare scarponi e sci. A Sauris, il paese più alto del Friuli Venezia Giulia con i suoi 1.400 metri e più, chi non pratica lo sci può trascorrere il proprio tempo libero facendo escursioni in quota con il gatto delle nevi.

I nottambuli possono provare la discesa con lo slittino sotto le stelle in Valle Isarco, Alto Adige. A Monte Cavallo la pista, dotata di innevamento programmato, resta illuminata fino a mezzanotte. A Valles si slitta sulla pista illuminata lunga 3,2 chilometri di Malga Fane dopo aver gustato le specialità tirolesi alla malga Kurzkofelhütte, oppure si gode dello spettacolo della fiaccolata serale prima di raggiungere in quota la discoteca del Rifugio Ristorante Jochtal a 2.000 metri.

Gli hotel firmati Tschuggen ad Arosa e St. Moritz, in Svizzera, propongono in quota dal viaggio in cabinovia su rotaia privata dello Tschuggen Grand Hotel, il top anche per l’esperienza ski-in e ski-out, all’oasi di benessere disegnata dalla star dell’architettura Mario Botta, fino alle colazioni energizzanti del Carlton Hotel St. Moritz per affrontare passeggiate e giornate sulle piste.