Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Maratona di New York, la guida


Tutti i luoghi da dove seguire la gara più famosa al mondo

di Chiara Degl’Innocenti

Con 50mila iscritti il 3 novembre parte la maratona di New York. Saltata l’edizione 2012 a causa dei disastri provocati dall’uragano Sandy, quest’anno l’appuntamento è ancora più atteso e ancora più affollato: saranno 4 milioni gli spettatori previsti che si disporranno lungo le 26,2 miglia (42,195 chilometri) che da Staten Island portano a Central Park. Per sfruttare al massimo questa giornata ecco una mini-guida per spettatori esigenti, veri marathon-watcher.

Miglio 1: Se volevate godervi i runner ai blocchi di partenza scordatevelo. Staten Island e il Ponte di Verrazzano sono interdetti agli spettatori.

Miglia 2-4: Per apprezzare lo spettacolo della prima onda umana è consigliato appostarsi a Bay Ridge, Brooklyn, dove è stato girato il celebre film La febbre del sabato sera.

Miglia 6-8: Un po’ più a nord, uno dei posti migliori per ammirare la maratona è l’incrocio tra il Barclay Center, la Williamsburg Savings Bank e la Brooklyn Academy of Music. C’è più spazio e la visuale è migliore se tra i corridori c'è qualcuno che conoscete e che volete individuare.

Miglio 9: Appuntamento fisso con la musica. Nel punto in cui il percorso attraversa Fort Greene e raggiunge Clermont Avenue, ogni anno la banda della Loughlin High School, una delle 130 che si alternano lungo i 42,195 km, incoraggia gli atleti e riscalda l’atmosfera.

Miglia 11-12: Se non temete la calca potete fermarvi sulla First Avenue tra Upper East Side e Bedford Avenue, più precisamente a Williamsburg dove si trovano le fermate della metropolitana, negozi vintage, mercatini, ristoranti.

Miglia 13-15: Siete nel Queens. L’Industrial Long Island City è tranquilla alla domenica e permette di passeggiare nell’attesa oppure di fare una breve sosta nei panifici aperti. Dal ponte Pulaski, lungo la 44th Drive e 25th Street, sarà più facile individuare i vostri amici runner.

Miglio 16 : Al Queensboro Bridge non sono ammessi spettatori. Per i runner è una parte di percorso magica poiché sperimentano un silenzio quasi irreale e una vista spettacolare dello skyline di Manhattan.

Miglia 17-23: Folla a volontà a Manhattan. Sulla First Avenue le acclamazioni, le grida e le incitazioni si fanno frenetiche dai punti di ritrovo degli appassionati della corsa, dal Guggenheim fino al Museo del Barrio.

Miglia 24-25: La corsa procede per Harlem giù per la Fifth avenue fino Central Park South dove migliaia di spettatori si radunano per acclamare gli atleti. Se il cuore di New York sono i suoi diversi quartieri, Central Park è sicuramente il suo polmone verde. Attendere qui il passaggio dei runner vuol dire godersi la parte più bella della maratona: il tappeto giallo e arancio delle foglie cadute dagli alberi, la musica che proviene dalle bande, la gioia delle persone che coinvolge e sostiene i corridori arrivati ormai alla fine della gara rappresentano il vero spettacolo.

Miglio 26.2: Passato Columbus Circle la corsa rientra nel parco e si conclude fuori dal ristorante Tavern On The Green. Aspettatevi un bagno di folla acclamante di gioia. Se volete godervi lo spettacolo dalle tribune vi occorre un biglietto della Blue Line Lounge .