Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Malesia, cosa vedere e dove dormire


Una visita a Kuala Lumpur, una sosta in occasione del Gp di F1 e poi sole, nuoto e cultura. Come divertirsi e rilassarsi in primavera ed estate

di Chiara Degl’Innocenti

Prima fare tappa a Kuala Lumpur e una puntata al vicino circuito di Sepang dove si tiene il Gran Premio della Malesia di Formula 1. Poi, per allontanarsi dalla confusione e dalle piogge stagionali, regalarsi un breve soggiorno all’interno dei villaggi vicini alla capitale per immergersi nell'autentica vita locale o volare in una delle isole della costa orientale dove spiagge di sabbia bianca, acqua cristallina, palme a perdita d’occhio sono una garanzia di bellezza e relax.

Vivere qualche giorno all’interno di un "kampung", un villaggio tradizionale, è forse uno dei modi più veloci e più semplici per arrivare a conoscere la vera Malesia. Promosso dall’Ente del Turismo Malese per Expo2015, il programma Homestay offre un soggiorno fatto a misura di viaggiatore per riscoprire i ritmi lenti della natura e le tradizioni culturali del Paese sentendosi un po’ come a casa propria, immersi nello stile di vita della gente locale. Ecco dove.

Restando a pochi chilometri da Kuala Lumpur si può visitare la Carey Island o, se rimane ancora un po' di tempo a disposizione, partecipare a un tour culturale alla scoperta del mondo del tè. Il più interessante si svolge nelle umide e verdissime Cameron Highlands. Spostandosi verso la costa orientale (e allontanandosi dalle fitte piogge incessanti che colpiscono il Paese in primavera ed estate) si può raggiungere il sultanato di Terengganu. Dove dormire: Kampung Teluk Ketapang del Teluk Ketapang Village e Kampung Rhu 10.

Il primo posto dove prendere la tintarella e regalarsi un weekend lungo di relax sono le spiagge di Redang. Anche se è una delle isole più costose della costa orientale, Redang è un vero paradiso. Quest’isola, rispetto alle altre otto che fanno parte dell’omonimo arcipelago, è tra le meno abitate quindi ancora selvaggia e soprattutto lontana dal caos e dalla folla di turisti. Per chi ama fare snorkeling facilmente potrà avvistare le tartarughe di mare che hanno scelto la nota spiaggia di Turtle Beach, vero e proprio santuario delle testuggini, per deporre le uova. Dove dormire: Taaras Beach Resort e Laguna Beach Resort.

A nord di Redang, le piccole isole Perhentians sono molto popolari tra i viaggiatori zaino in spalla. Gran parte delle spiagge sono totalmente incontaminate, il resto è attrezzato con sdraio e lettini forniti anche dai diving centre che si trovano lungo la costa. Con il calare del sole, i bar e i ristorantini sulla spiaggia si popolano rallegrando l’atmosfera. Dove dormire: Perhentian Island Resort e Bubu Long Beach Resort.

L’Eden per lo snorkeling e le immersioni è Tioman, l’isola circondata dalla barriera corallina nota per la grande varietà di coloratissimi pesci tropicali che nuotano a breve distanza dalla riva. Molto vicina a Singapore, offre pernottamenti per tutte le tasche dai Resort ai kampung. Dove dormire: Berjaya Tioman, Japamala Boutique Resort.