Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Istanbul, musei e locali della zona più cool della città


Un percorso nel quartiere Beyoğlu, il più alla moda della metropoli turca, alla scoperta di rooftop bar con vista mozzafiato e gallerie d’arte contemporanea

di Silvia Anna Barrilà

Beyoğlu è per Istanbul quello che Soho è per New York. È il quartiere trendy e vivace, dove si trovano i locali alla moda, i negozi e la vita notturna. Si trova nella parte europea della città e anche nell'aspetto ricorda le grandi capitali europee, con i palazzi ottocenteschi e l'art nouveau. È qui che si sono stanziate le ambasciate di molti Paesi che hanno conferito un'atmosfera cosmopolita. Ma Beyoğlu è anche la zona dell'arte contemporanea, che raccoglie sia istituzioni importanti che numerose gallerie private. Ecco i luoghi da non perdere per un giro tra vernissage e drink con vista mozzafiato.

Istanbul Modern
8.000 mq sulle rive del Bosforo, l'Istanbul Modern è stato fondato nel 2004 in un ex magazzino usato per il deposito merci. Al piano superiore si trovano in ordine cronologico le opere della collezione permanente che permettono di ricostruire gli sviluppi dell'arte turca dall'inizio del XX secolo a oggi nel loro contesto storico, sociale, culturale e politico. Al piano inferiore, invece, si svolgono mostre temporanee e di fotografia.  

Arter
È uno spazio per l'arte contemporanea aperto nel 2010 per iniziativa della Vehbi Koç Foundation. Si trova in una palazzina dell'inizio del Novecento sulla Istiklal Caddesi, l'arteria principale del quartiere e via pedonale con boutique, cinema, teatri e librerie. Fino alla fine del mese ospita la prima personale in Turchia del discusso scultore inglese Marc Quinn.

Salt  
Sulla stessa strada si trova SALT Beyoğlu, un'istituzione che ospita innovativi programmi di ricerca e sperimentazione. Si trova in un palazzo costruito tra il 1850 e il 1860 con i soffitti a volta e include una libreria, un cinema e un giardino.

Gallerie d'arte
Il quartiere conta anche la più alta concentrazione di gallerie private della città. Tra queste le più interessanti sono Galeri NON, Pi Artworks, Galerist, Galeri Nev e Pirosmani. È qui che si possono captare le ultimissime tendenze dell'arte emergente turca e internazionale.  

360 Istanbul
Per rilassarsi dopo il giro di musei e gallerie e distendere la vista c'è il 360 Istanbul, da cui si gode di una vista panoramica della città a 360 gradi. È un bar e ristorante ma anche club con dj e musica. È stato definito il posto dove vedere ed essere visti.

Leb-i Derya
Un altro rooftop bar e ristorante dove godere della vista del Bosforo al chiaro di luna è il Leb-i Derya. È famoso per la carta dei cocktail tra cui il Balalaika, con vodka, Cointreau e succo di limone.

Ferahfeza
Cucina mediterranea, design moderno e doppia terrazza con doppia esposizione e vista sulla Galata Tower sono gli ingredienti del ristorante Ferahfeza. Gli interni in legno e ottone che riflette le luci sono firmati dal famoso studio "I AM Istanbul".

Zoe
Ancora un altro bar ristorante con cucina internazionale e vista incredibile. Il venerdì e il sabato, dopo le 11, si trasforma in dance floor.

NuPera & NuTeras  
Mentre il NuPera è un noto ristorante, il NuTeras è la terrazza mozzafiato aperta in estate. Si trova in cima al palazzo francese noto come Passage de Petit-Champs e non lontano dal Pera Palace, un famoso hotel costruito per ospitare i passeggeri dell'Orient Express, che è stato il primo hotel di lusso con la corrente elettrica della città. Tra gli ospiti illustri ci sono personaggi come Alfred Hitchcock e Jacqueline Kennedy Onassis, Ernest Hemingway e Agatha Christie. Proprio qui, nella stanza 411, Agatha Christie scrisse gran parte del suo giallo Assassinio sull'Orient Express.