Questo sito contribuisce alla audience di panorama

A Ibiza il primo Hard Rock Hotel europeo


La catena dei Café ha inaugurato alle Baleari il resort dedicato agli amanti della musica. Meta trendy dell’estate 2014

di Carla Brazzoli

Il marchio Hard Rock, con i suoi 140 Café in 55 Paesi e 19 hotel tra l’America e l’Asia, entra per la prima volta nel mercato alberghiero del Vecchio Continente. E lo fa in grande stile, con l’obbiettivo di lasciare il segno anche in Europa. La scelta della location non è casuale e suona come una sfida: la (notoriamente) scatenatissima Ibiza,  tempio della musica elettronica e paradiso del divertimento europeo, già pullulante di club esclusivi e  locali per la nightlife.

Con la sicurezza di chi non teme concorrenti, il 18  maggio ha inaugurato a Playa d’en Bossa l’Hard Rock Hotel Ibiza, "the place to be" dell’estate 2014. Non un semplice resort di lusso 5 stelle. Soggiornare all’Hard Rock Hotel permette di vivere  un’esperienza multisensoriale, a 360°.

Fedele alla connotazione musicale del brand, le 493 stanze sono a tema e molte (le suite soprattutto) ospitano cimeli appartenuti a star come David Bowie o Bob Marley, che vi soggiornò nel 1978, quando in questo luogo si trovava il modesto Fiesta Don Toni Hotel. I pezzi di memorabilia invadono corridoi, sale e tutti  gli spazi comuni del resort, mentre grazie al programma The Sound of your Stay, messo a disposizione a inizio vacanza, è possibile  scegliere una playlist con i propri brani preferiti che faranno da colonna sonora per tutto il periodo di permanenza. Chi invece  preferisce mettersi alla prova come musicista può utilizzare una delle 20 chitarre Fender, amplificatori e cuffie Nixon per dar vita a jam session e per gli aspiranti dj sono a disposizione  set composti da mixer, iPad e cuffie per mixare la musica preferita.  Il rok’n roll non si ferma mai, tanto che anche nelle due enormi piscine viene sparato sott’acqua da potenti altoparlanti.

Immancabili i concerti. Ogni venerdì nella piazza dell’hotel, che ospita fino a 3.000 persone, si esibiscono grandi artisti della scena internazionale, band, dj. Il calendario è già fitto. Tra gli appuntamenti più attesi, Nile Rodgers, anima degli Chic, il 13 giugno; Robin Thickle il 4 luglio; il rapper Snoop Dogg, 15 agosto.

Ma non si vive di sola musica. Fiore all’occhiello dell’Hard Rock Hotel è anche l’offerta gastronomica d’alta gamma:  quattro ristoranti  (due dei quali supervisionati dallo chef Paco Roncero, due stelle Michelin) e sette bar, incluso lo sport bar 3rd Half, con grandi monitor dove vedere le partite dei prossimi Mondiali di calcio.

E ancora la Rock Spa da 1.400 metri quadrati, la palestra Body Rock, la terrazza con vista panoramica.

Il resort è all’avanguardia anche in tema di tecnologia e connettività. Le chiavi, già evolute in key card, qui sono braccialetti RFID: dispositivi all’avanguardia che danno accesso alle camere, consentono di pagare i servizi offerti dall’hotel e d’interagire sui social media. Naturalmente, ogni angolo è servito da wi-fi ad alta velocità, con la massima larghezza di banda disponibile sull’isola. A disposizione anche totem multimediali per consultare il programma di attività; tavoli interattivi al bar sportivo 3rd Half; console e schermi individuali per i videogiochi al Teen Spirit Club,  due schermi Ultra HD da 65” per immergersi nel gioco; due simulatori di Formula 1 sviluppati da Microsoft e un sistema Xbox One nelle suite.

L’inaugurazione è stata il 18 maggio ma il grande debutto avviene il l 21 maggio, quando  l'hotel ospiterà l'ottava edizione dell’International Music Summit (IMS), uno dei più importanti raduni dell'industria musicale del mondo.

E’ evidente che il brand Hard Rock intende entrare nel mercato europeo facendosi notare da subito,  da grande divo com’è. A Ibiza, la musica sta cambiando.