Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il primo hotel di ghiaccio celebra i 25 anni


Anniversario d’argento per l’Icehotel di Jukkasjärvi, in Svezia. Pioniere del settore e il più grande albergo “ghiacciato” del mondo

di Carla Brazzoli

Un progetto folle. Così 25 anni fa veniva "bollata" l’idea di costruire un hotel interamente scolpito nel ghiaccio. Oggi l’Icehotel di Jukkasjärvi, un piccolo villaggio svedese situato 200 km a nord del Circolo Polare Artico, è considerato un’opera d’arte conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. 

Oltre a essere il primo mai realizzato, Icehotel ha dato il via a una lunga serie di alberghi simili sparsi per il globo, dall'Austria al Quebec, e conserva il primato di essere il più grande del mondo con una superficie di 5.500 metri quadrati.

Per costruirlo vengono utilizzate 1.000 tonnellate di ghiacco prelevate dal vicino fiume Torne, più 30.000 tonnellate di “snice”, un misto di neve e ghiaccio, utilizzate per rafforzare la struttura. Circa 100 persone vi si dedicano ininterrottamente per 8 settimane, a partire dal mese di novembre. Di queste, 42 sono artisti e designer selezionati provenienti da 11 Paesi diversi, che liberano la loro creatività per plasmare le Art Suites  e le Luxury Suites.

L’anniversario d’argento è un evento speciale. Ecco allora l’idea di creare nuovi spazi come il teatro di ghiaccio Aurora Hall, dove tenere concerti, dj set, spettacoli con artisti di fama. O, ancora, la cappella in cui celebrare matrimoni, il cinema, il bar, la lobby.

All’Icehotel non si va solo per vivere l’esperienza magica di trascorrere una notte in una stanza di ghiaccio. Durante il giorno la struttura è aperta al pubblico: ogni inverno sono circa 50.000 i visitatori che arrivano a Jukkasjärvi ad ammirare il design unico delle stanze. Prima che, nel mese di aprile, tutto si sciolga per tornare ad ingrossare il fiume Torne.