Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Venezia, cinema e trend


La città lagunare che ospita il Festival del cinema sta vivendo una vera rinascita in tutti i settori artistici

di Alessandra Mattanza

Venezia, antica città lagunare, in passato di spirito prevalentemente turistico, si sta “svecchiando” e aprendo sempre più alla moda, al design, al trend. Mira a divenire ancora la capitale delle arti del mondo, come era in passato, quando era aperta a tutte le tendenze di Occidente e Oriente.
Così la stessa nuova edizione del Festival del cinema, la 72a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, organizzata dalla Biennale di Venezia, che si svolge al Lido di Venezia fino al 12 settembre 2015, diretta da Alberto Barbera, è sempre più aperta verso l’estero con anche quest’anno tantissime star Hollywoodiane, tra cui Jake Gyllenhaal, Johnny Depp, Paz Vega, Diane Kruger, Dakota Johnson, Mark Ruffalo, Kristen Stewart, Tilda Swinton… E non è un caso che perfino George Clooney e Amal Alamuddin abbiano scelto di sposarsi a Venezia lo scorso autunno, all’Hotel Aman.

A New York e a Los Angeles è sempre più di moda tra le celebrity celebrare nozze o dare feste a Venezia, magari con maschere, come quando in passato si festeggiava il Carnevale per tutto l’anno. Siamo andati alla scoperta dei luoghi più belli, prediletti da attori e registi, produttori, vip e da tutti i creativi del settore, sia quello finanziario ed economico che artistico.

Con l’inizio della kermesse cinematografica le feste più istituzionali, di apertura e chiusura e del business, si svolgono al Lido: sulla spiaggia o presso la piscina dell’Hotel Excelsior, dove si danno appuntamento anche attori, giornalisti, produttori e tanti esperti del settore, alla Villa degli Autori per i Venice Days, l’Hotel Villa Laguna, la Terrazza Biennale del Lido. Un locale dove andare a ballare è invece Davidia (Lungomare Guglielmo Marconi 22).

Tante altre feste e cene di gala raggiungono Venezia: la Palazzina G, hotel progettato da Philip Stark, il Bauer Palladio Hotel, la Fondazione Prada, che vale sempre la pena esplorare.

Intanto le star si raccolgono, tutto l’anno non solo durante questo periodo, nel più riservato Belmond Hotel Cipriani, dove anche Clooney con alcuni suoi amici, tra cui Cindy Crawford, hanno risieduto durante il suo matrimonio (e si dice che lui vi abbia celebrato perfino l’addio al celibato) e vengono spesso. Si trova sull’Isola della Giudecca, con un servizio shuttle di barca di fronte a San Marco, è amatissimo dai personaggi famosi per la sua privacy. Vanta una spettacolare piscina di acqua salata e anche una piccola ed esclusiva spa, ispirata a Casanova (che usava frequentare il vicino convento di monache), dove si fanno trattamenti mirati sulla persona. Ci sono poi diversi tipi di residenze, tra cui alcune isolate in palazzi storici, con suite spettacolari, le più amate dalle celebrity. Stupendi i ristoranti: Oro, pensato in spirito romantico veneziano dall’architetto Adam Tihany, con gastronomia dello Chef Davide Bisetto, e Cip’s Club che si estende su una terrazza sull’acqua con vista su Piazza San Marco ed è molto glamouros. E poi non perdetevi almeno un drink al Bar Gabbiano, che si serve di una stupenda enoteca. Ha il cocktail “Buona Notte”, che ha inventato George Clooney una sera con il barman, per celebrare insieme ai suoi amici. Naturalmente se volete mescolarvi alla scena regola numero uno è non chiedere autografi e non importunare le star che magari possono sorseggiare un drink vicino a voi.

Un altro locale prediletto sia da Clooney che da tanti altri attori è Da Ivo, vicino a Piazza San Marco, un locale storico ed elegante, con gastronomia italiana tradizionale, principalmente toscana e veneziana.

Per acquistare invece le maschere simili a quelle del film Eyes Wide Shut di Stanley Kubrik, andate a Dorsoduro da Ca’ Macana. In un libro su uno scaffale trovate quelle fatte realizzare per il film, che creano su richiesta, e gli autografi sia degli attori che l’hanno interpretato, Nicole Kidman e Tom Cruise, che di Leonardo Di Caprio, che pare essere appassionato del genere.