Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Design e classe sulla nuova nave della Royal Caribbean


Quantum of the Seas rappresenta un salto di qualità nel mondo delle crociere. Tecnologia, intrattenimento e ristorazione toccano il top

di Carla Brazzoli

Le navi da crociera assomigliano sempre più a resort di lusso. O, meglio, a piccole città galleggianti che oltre a dare la possibilità di visitare luoghi nuovi ogni giorno rendono fruibile il meglio in circolazione nei diversi settori, dall’intrattenimento al beauty, dallo sport al design alla tecnologia alla ristorazione. E (anche) per questo attirano un pubblico sempre più vasto. Giovani inclusi.

Un grande salto verso il futuro in ambito navale lo si deve a Royal Caribbean con Quantum of the Seas, transatlantico di prossima generazione che verrà varato il 31 ottobre, quando lascerà New York salpando dal porto di Cape Liberty. Ottimizzare, stupire, emozionare sono gli imperativi di questo concentrato di innovazioni.  

Già dalla prenotazione s’intuisce l’alto tasso di tecnologia presente a bordo di Quantum of the Seas: online, da casa, si possono compilare i documenti d’imbarco, caricare la propria foto identificativa e ricevere la conferma d’imbarco digitale. Quando poi si arriva al terminal di partenza non è più necessario passare dal banco check-in (dove solitamente ci si accalca in coda) e nel giro di 10 minuti ci si trova a bordo, mentre i bagagli sono rintracciabili in tempo reale attraverso il proprio smartphone grazie all’etichetta con tecnologia RFID applicata alle valigie. A bordo poi è un susseguirsi di proposte mai presentate prima su una nave.

Attività sportive: parete di arrampicata, pista di patinaggio sul ghiaccio, simulatore di surf sono presenti su altre navi a marchio Royal Caribbean. Esclusivamente su Quantum of the Seas è invece l’esperienza di paracadutismo sul mare con il simulatore di lancio Ripcord by iFly, mentre grazie al SeaPlex (una grande struttura flessibile) si può giocare a pallacanestro su un campo di dimensioni regolamentari, esercitarsi con il trapezio della scuola circense, pattinare a rotelle o divertirsi a bordo di autoscontro. La North Star è invece un’avventura mozzafiato che trasporta gli ospiti a più di 90 metri d’altezza all’interno di una capsula di vetro.

Intrattenimento: per farsi sorprendere ed emozionare basta andare nella sala su più livelli Two70°, con vetrate a tutta altezza, che di sera mette in scena spettacoli multidimensionali di tipo futuristico dove la tecnologia più avanzata la fa da padrona. I numeri eseguiti dal vivo da artisti e acrobati hanno scenografie digitali realizzate con l’utilizzo di 18 proiettori puntati sulle enormi vetrate.
Nella grande Music Hall invece si assiste a concerti dal vivo, performance di dj, feste a tema. Mentre al Royal Theater, il teatro principale con 1.300 posti a sedere, si va per applaudire spettacoli di altissimo livello e in stile Broadway, come la versione teatrale di Mamma mia!.

Camere: lussuose e spaziose hanno un design moderno e sono tutte con vista dato che, grazie ai “balconi virtuali”, anche le stanze interne possono vedere il panorama circostante in tempo reale. Oltre alle nuove Studio riservate a chi viaggia solo, ci sono stanze e suite per famiglie e gruppi di amici, con spazi da condividere e stanze collegate tra loro ma con bagni indipendenti.

Ristoranti: la scelta culinaria è vastissima e permette di fare un vero viaggio fra i sapori del mondo da compiere attraverso i 18 ristoranti presenti sulla nave. Si spazia dalla cucina orientale alla vegana fino ai piatti della tradizione italiana del ristorante di Jamie Oliver, il pluripremiato chef britannico.
E, visto che in crociera si rischia sempre di aumentare di peso, al Devinly Decadence di Devin Alexander si possono scegliere menu che non superano le 500 calorie.