Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Copenhagen in 48 ore: cosa fare e vedere


Cinque cose da non perdere della capitale danese. Dal concerto al giro sulle montagne russe, dal ristorante stellato al museo della birra

di Chiara Degl’Innocenti

Sarà per i numerosi parchi, per le strade curate in ogni minimo particolare. Sarà per la sicurezza stradale dei ciclisti o per la cucina premiata ma anche quest’anno Copenhagen si è attestata come la città più felice al mondo. Anche per chi, in 48 ore, può godere di musei, concerti, parchi divertimento, ristoranti alla moda e degustazioni.

Tour in bici Nominata Capitale Verde d’Europa per il 2014, Copenhagen vede circolare per le sue vie oltre 650mila biciclette su 250mila auto. Come dire, salire in sella per visitarla in modo sostenibile è un must. Le colonnine delle City Bikes sono sparse per la città e sono a disposizione di tutti coloro che, con il tablet e lo smartphone collegati al GPS, vogliono avere in tempo reale informazioni sulle maggiori attrazioni e iniziative presenti al momento in città.

Il miglior ristorante al mondo Per chi volesse provare il top dell’haute cuisine il Noma, premiato quest’anno per la quarta volta come miglior ristorante del mondo, è da prenotare. I piatti dello chef Renè Redzepi, alla continua ricerca di ingredienti che riducano al minimo l’impatto ambientale, fanno sempre parlare: da poco infatti sono stati introdotti nel menu, oltre alle verdure di stagione e i prodotti del territorio, anche formiche, licheni, grilli. A prova di stomaci forti o di palati sopraffini?

Non solo piatti blasonati Oltre ai tanti ristoranti stellati Copenhagen offre un assaggio di tutto ciò che un viaggiatore alla ricerca di esperienze gastronomiche può desiderare. Come il nuovo mercato del cibo di strada sull’isola Papirøen nel porto della capitale, Copenhagen Street Food (per un approfondimento, basta leggere Copenhagen, cenare da 7 euro in su), il mercato permanente Torvehallerne, dove in due padiglioni sono esposti banchi di frutta e verdure, pesce, carne, pane e piatti già pronti da portare a casa o mangiare sul posto. Quest’estate, il Copenhagen Cooking Festival  (dal 22 al 31 agosto 2014) è un’altra grande opportunità per fare un tuffo all'interno della cucina nordica.

Divertimento assicurato I giardini di Tivoli sono considerati il cuore della città con ben 4,4 milioni di visitatori all’anno. Musica, giostre e fuochi d’artificio sono le attrazioni principali. Per chi ama i concerti, il Roskilde Festival è il più grande festival rock di tutta Europa organizzato nel parco. Per una settimana, quest’anno dal 28 giugno al 6 luglio, rock star internazionali si alternano sul palco. Attesi Rolling Stones, Arctic Monkeys, Stevie Wonder e Trentemøller. Da non perdere un giro sulla giostra centenaria appena restaurata e riaperta. Unica nel suo genere è una delle più antiche montagne russe in legno ancora in funzione al mondo.

A tutta birra Usciti dal centro, a Valby, si trova il quartier generale della birra Carlsberg. In un paio d’ore è possibile visitare il museo, ripercorrere tutta la storia del brand e degustare 500 birre diverse. La Carlsberg per i 200 anni del suo fondatore ha inoltre da poco rinnovato la storica fabbrica grazie a un progetto per la riqualificazione dell’edificio. Il modernissimo “Brand and Experience Centre”, è un complesso visionario che in un paio d’anni si è affermato come una delle attrazioni principali di Copenaghen, con quasi 500 mila visitatori l’anno.