Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Berlino, sette luoghi da non perdere


Nella settimana della Berlinale, un percorso per esplorare la città attraverso il cinema

di Silvia Anna Barrilà

Riflettori puntati su Berlino per il prossimo red carpet delle star: inizia tra pochi giorni la 64esima edizione della Berlinale (6-16 febbraio), il festival del cinema di Berlino e uno dei premi più riconosciuti del panorama internazionale. Per esplorare la città dopo le proiezioni dei film in concorso per l'orso d'oro, ecco un percorso attraverso i luoghi immortalati nella storia del cinema.

Il primo film che viene in mente è "Il cielo sopra Berlino" di Wim Wenders. Tra le varie location del film non si può perdere la "Siegessäule", la colonna con in cima la statua della vittoria al centro del Tiergarten, sulla cui cima un giovane Bruno Ganz in veste di angelo si andava a posare per osservare dall'alto la città ancora divisa.

Proseguendo in direzione ovest, arriviamo alla stazione ferroviaria di Zoologischer Garten, la più importante della ex-Berlino ovest e immortalata nell'immaginario collettivo attraverso il libro e il film "Christiane F. Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino". Il film-documentario, che racconta le vicende di una giovane tossicodipendente, è stato girato sui binari della U9 riprendendo i tossicodipendenti e le prostitute presenti in stazione.

Non può mancare una visita ad Alexanderplatz, set a cielo aperto. Tra i film più recenti, "The Bourne Supremacy". È qui che l'ex-agente CIA Matt Damon incontra l'agente Nicky Parsons e riesce a seminare i suoi inseguitori approfittando di una manifestazione.

Un'altra destinazione turistica di Berlino è stata palcoscenico di James Bond. Nel film "Octopussy" del 1983, si vede l'originale Checkpoint Charlie, il punto di passaggio più famoso tra la parte est e la parte ovest della città. Quello che vediamo oggi è una ricostruzione.

Il ponte che collega altri due quartieri divisi tra est e ovest, l'Oberbaumbrücke tra Kreuzberge e Friedrichshain, ritorna invece in "Lola corre". La protagonista, una Franka Potente dai capelli rosso fuoco, lo percorre correndo a ritmo serrato nel tentativo di salvare il suo compagno.

Attraversando il ponte in direzione est si arriva nel quartiere di Friedrichshain. Qui è stato girato il commuovente film "La vita degli altri", che racconta la storia di una coppia spiata dalla Stasi nella ex-Germania est. Passeggiando intorno a Frankfurter Tor e lungo la Karl-Marx-Allee si trovano le facciate sovietiche e la libreria in cui l'ex-agente Stasi dopo la caduta del muro acquista una copia dell'autore che una volta aveva spiato.  

Per riposarsi dopo il tour c'è il Café Einstein sulla Kurfürstenstraße. È qui che Shosanna Dreyfus incontra Goebbels in "Inglourious Basterds" di Quentin Tarantino.