Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Berlino: cinema e business


La città della Berlinale è sempre più amata dalle star, non solo durante il Festival del cinema. Nella capitale tedesca vi girano film e la serie tv Homeland.

di Alessandra Mattanza

A Berlino le star sono sempre più di casa, dato che adesso molti film vengono girati qui, tra cui la serie Tv Homeland. Ma oltre alla bella bionda Claire Danes, altre attrici e modelle si incontrano specialmente in questo periodo, durante la Berlinale 2016 e l´European Film Market, come Julianne Moore, Tilda Swinton, Kirsten Dunst, Franziska Knuppe, Sophia Thomalla, comparsa sul red carpet di Audi e Bild, per il party “Place to B” in tema “Circo”, in un vestito attillato e supersexy di pelle rossa di Atsuko Kudo. Siamo andati alla scoperta di tutte le location più interessanti del momento, durante e dopo festival.

Il fulcro della vita in questo periodo è attorno a Postdamer Platz, dove si possono incontrare vip in diverse location un po’ ovunque, a parte i tappeti rossi del Berlinale Palast o i cinema del Cinemax. Tra questi ci sono l’Hotel Grand Hyatt, con un bel ristorante e bar VOX. Oppure conviene spingersi fino al Martin Gropius Bau, dove si fanno mostre ed eventi, o al Ritz-Carlton Hotel, con la Brasserie Desbrosses, o il Marriott.

Altri party si sono svolti nelle ambasciate, specialmente quella spagnola, quella brasiliana e quelle scandinave, da tenere d’occhio per eventi durante tutto l’anno. Da non mancare pure quelli della Kulinarische Berlinale, che si tengono in diversi ristoranti e locali.

Tra i locali più alla moda ci sono poi Ritter Butzke, con serata culturali oltre che di musica, Konzulát (Leipzigerstr. 60, entrata Jerusalemerstr.), dove vanno molti diplomatici, Bar Tausend, per ottimi cocktail, ma perfino spazi per arte e musica, il ristorante Borchardt, elegante e punto di incontro di tanti personaggi famosi di diversi settori, tra cui diversi politici.

Un albergo storico dove da sempre si incontrano celebrity è poi l`Hotel Adlon, prediletto perfino da Marlene Dietrich e ora da Diane Kruger, storico e di grande stile.