Questo sito contribuisce alla audience di panorama

A Barbados per il Carnevale


Non solo spiagge bianche e mare turchese. L’isola caraibica diventa particolarmente caliente durante l’estate

di Alessandra Mattanza

L’isola di Barbados è un paradiso caraibico di spiagge di sabbia bianca lambite da un mare turchese intenso. Uno dei periodi più belli per andarci è l’estate, quando imperversa il Crop Over Festival, un caleidoscopio di colori che contagia l’isola al ritmo del calypso, tra giugno e agosto. Oltre che con competizioni canore, culmina nel Grand Kadooment (quest’anno il 3 agosto), uno sgargiante carnevale di ragazzi, e turisti, che ballano selvaggiamente in costumi sexy che ricordano quelli del Carnevale di Rio, e in una parata sui carri, dove la stessa Rihanna si esibisce di solito in balli e mosse osé.

Da non perdere quest’anno anche le finali del Pic-O-De-Crop l’1 agosto, quando i nove migliori artisti di calypso si sfidano per vincere il trono, diventando Pic-O-De-Crop Monarch, e il Bridgetown Market, la più grande fiera di strada dell’isola, lungo la Spring Garden Highway nelle vicinanze della capitale. Nelle bancarelle colorate si trovano oggetti di arte e artigianato, gioielli, borse, cappelli e prodotti gastronomici, mentre la musica tuk e calypso risuona nell’aria. Il Cohobblopot (che in slang locale significa “un mix di ingredienti diversi”), la sera del 2 agosto, è uno degli eventi più attesi di tutto il festival: il Kensington Oval di St. Micheal ospita uno show travolgente che vede esibirsi sul palco musicisti di calypso e soca locali e internazionali, ballerini con costumi stravaganti, maschere e costumi, fuochi d’artificio. Ecco tutto quello da fare sull’isola per un divertimento assicurato. 

Tra gli hotel più frequentati dell’estate ci sono l’Hilton, che offre diverse attività di intrattenimento e sportive e vanta una spiaggia molto attrezzata, e poi, una “chicca” sono Little Arches Hotel, romantico e mediterraneo, dove si ha l’impressione di vivere quasi in una residenza privata, oppure il B&B Sea-U Guesthouse, con un giardino di palme che si affaccia sul mare in un panorama mozzafiato e belle stanze in una casa di legno di spirito coloniale. Dentro Little Arches Hotel si trova anche il ristorante Cafe Luna, molto frequentato sia dall’alta società locale, da uomini d’affari e turisti.

Durante questo periodo la movida nei locali notturni di Bridgetown è ancora più caliente, non perdetevi Sugar Ultra Lounge, al St. Lawrence Gap, prediletto pure da Rihanna, e Scarlet, che è un posto dove mangiare e divertirsi, molto popolare e vivace, famoso per gli eccellenti cocktails.

Tra i ristoranti consigliamo una cena a The Cliff, frequentato perfino da Francesco Totti, David Beckman e altre star, Champers, che ha alcuni dei migliori piatti di pesce dei Caraibi, Cariba, che offre gastronomia fusion, un mix tra caraibica e asiatica,

Per lo shopping, artigianato o camicie di spirito coloniale, andate al Pelican Village o al grande magazzino The Colonnade.