Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Woolrich a Milano Moda Uomo: il ritorno della Mountain Jacket


Un grande classico del marchio, lanciato negli anni settanta, si rimodella per il prossimo inverno: fit contemporaneo e scheletro in Storm System, Woolrich presenta la Mountain Jacket

di Giuliana Matarrese

La prima volta della Mountain Jacket è stata nel 1976: capospalla dedicato ai climi e alle condizioni più impervie, in montagna, Woolrich lo costruì in Goretex®, invenzione proprio di quell'anno. Il tessuto sintetico dalle capacità traspiranti inventato dagli imprenditori tessili statunitensi William e Robert Gore, da cui prese il nome, era perfetto per l'alpinismo e gli sport estremi. Impermeabile (ogni foro è infinitamente più piccolo di una goccia d'acqua) ma al contempo traspirante, permettendo il passaggio del vapore acqueo, fu una rivoluzione stilistica non da poco, facendo da scheletro per la Mountain Jacket. 

Un classico che quindi si rinnova per la prossima stagione invernale, dopo esser divenuto un caposaldo del marchio negli anni '70 e '80. La novità è nelle linee, affusolate, senza ingombri, adatte alla montagna così come alla città, e ovviamente alla cifra tecnica. Abbottonatura a scomparsa, se la costruzione in Goretex® è ancora presente nella collezione, spalmata su cappotti dalle nuance da sottobosco, verde oliva e stampe camouflage, la novità è lo Storm System®, fibre naturali che ricevono un upgrade, grazie a trattamenti tecnologi che li rendono resistenti al vento e, ovviamente impermeabili. La doppia barriera in questo caso è la membrana idrofila Rain System® applicata sul rovescio del tessuto, capace di far scivolare le gocce d'acqua e proteggendola da macchie e polvere.Per osmosi, il vapore acqueo viene così trasportato all'esterno. Il risultato è la creazione di capispalla preziosi, ma indistruttibili, come appunto la Mountain Jacket costruita da una mischia di lana e seta.

Peso piuma, la tecnologia trova spazi d'applicazione anche in un altro grande classico, il Parka, declinato nella variante no Fur, con il cappuccio rivestito in montone o in un tessuto più leggero, tecnico ed impermabile, il City Fabric. Per affrontare qualunque clima, senza perdere in eleganza.