Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Tendenza anni 70: dalla serie Vinyl alle passerelle


Arriva il 15 Febbraio su Sky Atlantic la serie di Martin Scorsese e Mick Jagger sugli anni settanta ed è subito seventies mania

di Giuliana Matarrese

Martin Scorsese, Mick Jagger e Terence Winter, mente dietro perle del piccolo schermo come I Soprano e Boardwalk Empire: una trinità che ha già reso Vinyl, la serie tv in arrivo su Sky Atlantic il 15 febbraio, un giorno dopo la prima americana, il prodotto più atteso dell'anno.

Protagonista è Bobby Cannavale nei panni di Richie Finestra, proprietario di un'etichetta discografica, l'American Century Records, nella New York del 1973. All'orizzonte, il glam rock, il punk, la disco e gli eccessi correlati. Con una colonna sonora che non annovera solo gli Stones (già rockstar acclamate nel 1973) ma inserisce anche il proto-punk di Iggy Pop and The Stooges, le aspettative sono già altissime sin dall'annuncio del progetto, ormai più di un anno fa.

Un revival, quello dei seventies, che ispira la moda d'estate: se John Varvatos, marchio americano da sempre legato a filo doppio con il rock'n'roll (il suo flagship store sulla Bovery di New York altro non è che il leggendario CBGB, locale simbolo del decennio) guarda in maniera dichiarata alla California del Sud in quegli anni, immaginandosi i Fleetwood Mac e i Led Zeppelin suonare nei club del Laurel Canyon con pantaloni slim fit e gilet a righe optical, Etro punta i riflettori sulle stampe orientaleggianti, il paisley su tutte, che ricopre i capispalla lunghi al ginocchio.

Le vestibilità sono flair, i pantaloni si allargano, già pronti per la febbre del sabato sera: Gucci li traduce su micro-check e li abbina a dei cappotti in suede, altro grande classico del decennio, mentre Boglioli li colora di cromie lucide, accese, a ricordare il glamour senza compromessi dell'epoca.

I blazer sono assertivi, e prediligono il doppiopetto, come da Bally, che li modernizza abbinandovi delle sneakers, mentre i gessati, come quelli indossati da Richie Finestra, spopolano ancora sulla passerella di Tiger of Sweden, da portare obbligatoriamente con i colletti importanti lasciati sbottonati. Per il tempo libero, invece, il capospalla di preferenza è un classico cinquetasche, tradotto su pelle dall'aspetto used, come da Iceberg.

guarda anche:( iniziali sulla camicia, come sceglierle )