Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Le sneaker più belle del 2014


Da Riccardo Tisci per Nike a Raf Simons per Adidas: sono la nuova passione degli stilisti per la primavera 2014

di Valentina Ardia

Sulle passerelle il nuovo accessorio icona ha un passato sportivo e un futuro fashion: sono le sneaker per la primavera 2014. Non c'è stilista che non ne abbia disegnato un paio. Da Jeremy Scott, neo direttore creativo di Moschino per Adidas, fino a Rick Owens, è caccia aperta alla limited edition couture.

Riccardo Tisci, designer di Givenchy per Nike, racconta così il percorso che lo ha portato alla realizzazione della sua Nike + R.T."Viaggio per il mondo e vedo le persone indossare le Air Force 1 in molti modi diversi. Mi sono così chiesto quale fosse la loro essenza. Per me, la Air Force 1 è priva di distinzione di genere, non appartiene a una città specifica, né riguarda uno stile particolare. È la comunità a decidere. È democratica. È amore". 

Tisci ha disegnato quattro modelli che spaziano in altezza, da quelli bassi a quelli al ginocchio. Forme mai viste prima come per il Mid Calf e Knee Hi Boot. Disegni tribali come decorazioni, che accendono la scarpa di connotazioni simboliche: è la tribù contemporanea della moda, quella fatta di social network e icone pop .

Per le low-top della Maison Martin Margiela, originariamente prodotte per l’esercito tedesco, si parla più di contrasti: suola in gomma naturale e tomaia a effetto metallico. Jeremy Scott, invece, avvolge la bandiera britannica attorno alla tomaia in pelle pieno fiore e trasforma la classica sneaker in un accessorio da collezione.

Il più futuristico resta sempre Rick Owens: lo stilista americano per questa primavera ha realizzato una collezione dalle linee minimal. Una sneaker che sembra una scultura, in pelle e nylon mixati in sei combinazioni da uomo e quattro da donna. Infine, ingigantendo i volumi, esagerando i colori e mettendo insieme tessuti ricamati Raf Simons va oltre la costruzione di una scarpa da ginnastica e mette in atto un'operazione rivoluzionaria, dove l'oggetto finale non è una semplice sneaker, ma un concentrato di design che racchiude in sé tutta la grammatica stilistica della haute couture.