Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Stile Sherlock Holmes: al cinema con Benedict Cumberbatch e protagonista nella moda uomo


Nelle sale solo il 12 e 13 Gennaio, L’abominevole sposa è l’ultimo film dedicato all’investigatore inglese. Da Cumberbatch a Downey Jr. , ecco chi sono gli uomini più famosi che ne hanno vestito i panni

di Giuliana Matarrese

L'evento è di quelli da non perdere (soprattutto considerando che la serie a cui si collega la pellicola non tornerà prima del 2017): solo il 12 e 13 Gennaio arriva al cinema Sherlock: l'abominevole sposa, episodio inedito prodotto da Nexo della saga televisiva di Sherlock Holmes, nella quale i panni dell'investigatore più noto sono interpretati da Benedict Cumberbatch, affiancato da Martin Freeman nel ruolo del fido Watson.

Primo episodio ambientato effettivamente nell'epoca vittoriana nella quale lo scrittore Arthur Conan Doyle lo aveva immaginato, vede i due alle prese con cospirazioni, omicidi, e ovviamente una sposa fantasma. Creato dalle stesse menti che sono dietro la serie (Mark Gatiss e Steven Moffat) la trama è nuova, anche se prende spunto da una citazione di Sherlock de Il Memoriale di Musgrave, libro che fa parte della raccolta Le Memorie di Sherlock Holmes, nel quale l'investigatore menziona un certo "caso Ricoletti dal piede equino e la sua abominevole moglie".

Un grande successo nel Regno Unito, dove ha attratto nelle sale più di 8 milioni di spettatori e fan, a conferma di un fascino che non smette di mietere vittime e appassionati.

 

Perfetto nel ruolo, Cumberbatch è però solo l'ultimo di una lunga serie di attori che si sono cimentati nella parte: il primo, indimenticato, che ha recitato in diverse pellicole sul genere, nei lontani anni trenta, è stato l'inglese Basil Rathbone che, da Il mastino di Baskerville, nel 1939, è stato Holmes per 14 volte sul grande schermo, rimanendone il volto con il quale si sono dovuti confrontare quelli venuti dopo.

Successo non solo al cinema, ma anche sul piccolo schermo, a subirne il fascino è stato un attore divenuto già iconico in un altro ruolo, che ha qualcosa a che fare con l'Inghilterra e il genere giallo: la spia Roger Moore, uno dei più amati James Bond, ha indossato cappa e pipa per il film televisivo Sherlock Holmes a New York del 1976.

Una figura trasversale, che ha attratto diverse tipologie di attori: non solo drammatici, (Christoper Lee in Sherlock Holmes - La valle del terrore, 1962 e Michael Caine, nella rivisitazione ironica Senza indizio del 1988) ma anche comici tra i più noti, come Jerry Lewis (Sherlocko investigatore sciocco del 1962) e Gene Wilder nella parodia Il fratello più furbo di Sherlock Holmes del 1975.

Infine, vero rivale contemporaneo di popolarità di Cumberbatch, è sicuramente Robert Downey Jr. , che è stato per due volte Sherlock al cinema, in entrambi i casi diretto da Guy Ritchie. A fargli da spalla, in entrambe le occasioni, un Dottor Watson mai così affascinante, incarnato da Jude Law.