Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Sfilate uomo Londra, il nuovo linguaggio della moda secondo Diesel


Diesel è il primo brand a investire su YouPorn. La campagna nasce da un video ironico e provocatorio sul mondo dei social network. È l’inizio della rivoluzione del linguaggio della moda.

di Annalisa Testa

Ironica e provocatoria. Sexy e sincera. È la nuova campagna Diesel per la primavera-estate 2016, presentata in anteprima a Londra in occasione della London Collection Men. «È espressione del Dna Diesel. Onesta e reale. Fatta di immagini che raccontano scenari di vita quotidiana».

A poche ore dal lancio del nuovo video Nicola Formichetti, direttore artistico del brand guidato da Renzo Rosso, svela ad ICON il dietro le quinte della nuova campagna.

Le immagini ruotano intorno al linguaggio della rete. Diesel decodifica la cultura digitale esasperando la selfie culture, i flirt virtuali, crea emoji personalizzati e ironizza sulla mania del buy-online o sull’ossessione per like e followers. «È il nostro quotidiano, siamo tutti sempre costantemente connessi. Ieri ero su Instagram, oggi sono ossessionato da Snapchat. Domani passerò ore su Tumblr a trovare ispirazione. Questo atteggiamento ha modificato anche il nostro modo di comunicare»

È così che gli emoji diventano il nuovo alfabeto che compone un linguaggio universale. Comprensibile a chiunque, di qualsiasi etnia, di qualsiasi nazionalità. «Ho pensato che fosse divertente creare per Diesel emoji che potessero raccontare la collezione. Con slogan provocatori, divertenti». Come quello dello scatto che ritrae il cantante Joe Jonas con la modella e stilista Kiko Mizuhara: “abbiamo più followers di @diesel”.

#DieselHashtag. È l'hashtag che ha riunito anche gli scatti del party londinese a Shoreditch in cui sono state proiettate le immagini e i clip della collezione estiva. È una campagna che, al contrario di molte altre, nasce prima dal video realizzato in collaborazione con il suo Santiago & Mauricio. «L’idea è quella di raggiungere più utenti possibili. I video ora muovono l’industria della moda, sono ormai più potenti dell’immagine stampata. Oggi è importante saper comunicare attraverso i canali che le persone utilizzano di più. È anche per questo che abbiamo scelto di investire su siti  come YouPorn o PornHub con la campagna underwear e su applicazioni con migliaia di users, come Grindr e Tinder».

È uuna rivoluzione, insomma. Una nuova strada verso una comunicazione che si avvicina sempre di più alla vita reale dell'utente. Di qualsiasi etnia, di qualsiasi sesso.