Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Sartorie digitali: il su misura è 2.0


La moda si fa iper-tecnologica, con software che rivoluzionano il guardaroba dei gentleman, per abiti su misura scelti via web

di Giuliana Matarrese

Vezzo da gentleman vecchio stampo, amante di un’eleganza che esprime fin nel minimo dettaglio la propria personalità, l’appuntamento in sartoria per la realizzazione di un abito su misura è un’esperienza fisica e spirituale, dal fascino antico ma mai passato di moda. Un’occasione che, complici le nuove esigenze del contemporaneo, cambia faccia senza perdere il suo charme.

 Da Enrico Monti Perfectum, il marchio centenario di sartoria italiana, un moderno body scanner in 3D prende le misure in 5 secondi, per poi realizzare l’intero abito in due settimane. Un’operazione disponibile nei monomarca del brand a Bergamo, Treviso e Verona, che lascia intatto lo charme della sartoria grazie alla variegata selezione dei tessuti con i quali è possibile realizzare giacche e completi, dalle lane biellesi ai freschi di lana passando per il classico cotone da camicia Monti, da scegliere come vuole la tradizione, “al tocco”.

 Ancora più complessa l’operazione di Brioni, che, con il suo neonato progetto Miror (dal verbo latino “farsi ammirare”) punta alla nascita di un guardaroba, prima virtuale e poi reale, tutto realizzato con le più moderne tecnologie. Alle misurazioni realizzate in digitale, attraverso uno specchio munito di uno speciale software, segue la fase di scelta del capo (dal monopetto al doppiopetto, passando per la giacca da sera), da personalizzare nei tessuti, nei colori e negli accessori, fino ai minimi dettagli, con una possibilità pressoché infinita di combinazioni. Un progetto ambizioso ed in fieri, che presto permetterà ai suoi clienti, attraverso una tessera identificativa, di accedere ai propri dati in qualunque monomarca del marchio nel mondo. Summa della tecnologia applicata all’eleganza, nel momento della sua piena realizzazione, prevista nel 2017, il progetto garantirà infine la possibilità di provare virtualmente i capi selezionati, solo guardandosi allo specchio, e confrontarli con quelli già acquistati. Proprio come nel guardaroba di casa. (guarda anche i capi iconici per i gentleman, dall'ultimo Pitti)