Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Sanremo 2016, i look di Elio e le Storie Tese sul palco dell’Ariston


Star dei social network. Acclamati, applauditi. Il genio creativo di Elio e le Storie Tese si esibisce sul palco dell’Ariston con i look più divertenti del Festival: dal rosa shocking a Tony Manero

di Annalisa Testa

Sono balzati sul palco come cavalieri pronti a combattere. Elio, Faso, Cesareo, Jantoman, Christian Meyer. Elio e le Storie Tese, la band più attesta della seconda serata dell’edizione numero 66 del Festival della Canzone Itaiana a Sanremo, ha debuttato con il brano Vincere l’Odio stupendo il pubblico con un testo, fatto di sette ritornelli e nessuna strofa, e un look decisamente insolito.

Il gruppo milanese non ha indossato nastri e nastrini con i colori dell’arcobaleno ma ha scelto di portare in scena alcuni capi della collezione SS16 di Etro declinati in tutte le nuance del rosa protagonista assoluto su giacche in lino e seta con stampe Paisley, motivi orientali o disegni jacquard tono su tono. E poi camicie con colli alla coreana, disegni floreali o microfantasie portate con pantaloni a sigaretta con pattern geometrici e scarpe in suede rigorosamente in tinta.

Dal total pink, poi, a Tony Manero. Per la terza serata, dedicata alle cover, non potevano che scegliere pantaloni a zampa, camicie con colli a punta e stampe optical, giacche in pelle vintage, occhiali aviator, baffoni e parrucche cotonate per intonare Quinto Ripensamento, cover di A Fifth of Beethoven, canzone di Walter Murphy parte della colonna sonora di La febbre del sabato sera, mitico musical e film con John Travolta degli anni Settanta.

E non si fermano qui. Elio e le Storie Tese hanno dominato il palco, e soprattutto i social network fino a tarda notte, anche in occasione della quarta serata del Festival quella dedicata ai nuovi brani dei cantanti in gara. La band si prende gioco del trend del "ritocchino" solcando le scale dell'Ariston con evidenti segni da plastiche facciali, labbra gonfie, zigomi siliconati e pelli ben tirate e parecchio colorite. Gli abiti tenevano testa ai capi indossati dal popolo di Pitti Imamgine: tagli sartoriali, blazer macrocheck, gilet abbottonati tono su tono e ascot in seta annodati al collo.

E per il gran finale eccoli affrontare la quinta e ultima serata del Festival di Sanremo vestiti come i Kiss, la rock band americana che si esibiesce con trucco bianco in faccia, pantaloni di pelle, imbottiture metal e zeppe ai piedi. Gli "Elii" non hanno vinto il festival della Canzone Italiana, ma sui social network hanno messo tutti al tappeto.