Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Pigiami & Co: i 5 essenziali dell’eleganza notturna


Dalla vestaglia ai cardigan avvolgenti passando per le calzature: ecco come affrontare le notti del periodo natalizio con eleganza

di Giuliana Matarrese

Natale tempo di vacanze. Che siano settimane in chalet di montagna o semplici weekend nelle capitali europee o ancora ospiti di amici lontani, il problema a cui dare risposta rimane lo stesso: come organizzare in stile in guardararoba notturno.

Se le passerelle della prossima stagione sdoganano (con le dovute modifiche e accortezze) il pigiama come nuova uniforme da giorno, assurto a paradigma di un'eleganza rilassata e adatta a veri dandy metropolitani, la sua versione originale, quella notturna è perfetta in nuance, appunto, al limite tra crepuscolo e notte, blu, neri e verdi spenti, meglio ancora se declinati su trame o fantasie dal gusto vintage, micro-check o righe navy

Da prediligere in texture morbide ma traspiranti, come il cotone, a riscaldare ci pensa il cardigan da indossare sopra, con il quale è ammesso girare per il resto delle stanze dell'abitazione durante le ore notturne. In cachemire e cotone con lavorazione a trecce o semplicemente ricamato, ha il collo rilassato, a scialle, e volumi avvolgenti, come quello di Michael Kors. Gli integralisti dell'eleganza by night lo sostituiranno con la più classica vestaglia, in seta con profili a contrasto, allacciata in vita. Per chi fatica ad addormentarsi, la mascherina da scegliere è ton sur ton con il pigiama, ma tradotta su cashmere e seta.

Infine, le calzature: abolite le classiche pantofole, o ancora peggio, le ciabatte, l'unico modello consentito sono le slipper, all'incrocio tra babbucce da casa e mocassini ideali per  il tempo libero. A celebrarne la dimensione esclusivamente casalinga, il tessuto nel quale vengono tradotte, la flanella, che si nobilita attraverso l'iniezione di texture differenti, come nel caso del modello di Solovière, con puntale in pelle a contrasto.