Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Pantaloni da uomo: quali indossare ad un colloquio di lavoro


Cargo, modelli formali con la piega, o con elastico in vita: quali pantaloni scegliere e come indossarli per affrontare l’inverno in ufficio

di Giuliana Matarrese

Che sia un lavoro in un ambiente da ufficio più formale, o invece nel settore creativo, ogni professione richiede un certo dress code, da esprimere fin dal primo incontro, ad un colloquio. Un abbigliamento che possa fungere da bigliettino da visita si dimostra così essenziale. Ecco quali pantaloni scegliere e come indossarli per quest'inverno.

PANTALONI CON PIEGA

Un grande classico per tutte le professioni che richiedono un certo grado di formalità, i pantaloni con la piega centrale sono da scegliere nel colore principe del look da ufficio, il blu. Declinati su lana per l'inverno o su tessuti morbidi e traspiranti come il seersucker di cotone per le stagioni più calde, la piega centrale in genere conferisce al pezzo il taglio che viene definito " a carota", con un volume maggiore sulla parte superiore. A bilanciarne la silhouette, in questo caso, deve intervenire un blazer slim o un pezzo dall'eleganza essenziale, come una camicia in lino, priva di dettagli superflui, come quella di Canali, impreziosita da bottoni in madreperla.

PANTALONI CON RISVOLTO

Da sempre additati come pantaloni eccessivamente modaioli e contrari a qualunque regola dell'eleganza, la realtà è che il loro pregio principale è far guadagnare a chi li indossa qualche centimetro in altezza. Da indossare rigorosamente con i calzini, e mai con la caviglia nuda, si possono sfoggiare anche in ufficio optando per modelli in nuance neutrali, beige o oliva, e impreziositi da dettagli minimali ma d'impatto, come i bottoni in corno. Quando sono scelti in tele di cotone ruvide, l'abbinata più coerente è quella con sneaker rese più eleganti dalla traduzione in pelle, suede, o nabuk come le nuove One Star Camo di Converse. 

PANTALONI CON ELASTICO IN VITA

Oramai usciti dai confini della palestra o del tempo libero, tutti i maggiori marchi li hanno trasformati in un pezzo d'abbigliamento valido in tutti gli ambiti, grazie ai tessuti nobili sui quali si traspongono, o sulle vestibilità studiate, mai over. Un esempio sono il modello di Enlist, che mixa la morbidezza della lana al tessuto tecnico. L'abbinata perfetta è con un maglione in cashmere dalla vestibilità affilata, nei toni chiari del grigio, come quello di Ermenegildo Zegna, che appare rilassato senza mai scadere in un appeal troppo casual. Infine, a dare carattere, ci pensano le nuove sneaker di Car Shoe, disponibili negli store del marchio da questo febbraio, in pelle  monocolore o laminata con un motivo ispirato alle ruggenti Stock Cars americane sul retro della tomaia.

PANTALONI CARGO

I classici working pant, 4 tasche e cotone ruvido, si rivisitano. Ripuliti proprio da quell'eccesso di tasche, non perdono in praticità grazie alla traduzione sul cotone stretch. Un'abbinata coerente con il loro spirito informale, ma che regala comunque l'accesso alla scrivania dell'ufficio senza imbarazzi è quella con una camicia azzurra in cotone Oxford, di quelle con il colletto button-down, nata inizialmente sui campi di polo per impedire al colletto di muoversi dando fastidio al giocatore, e poi divenuta sinonimo della nuova eleganza décontracté. Senza fronzoli, ma mai senza carattere.