Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Il maglione di cashmere: consigli per la cura


Che sia con lo scollo a V o un cardigan con collo a scialle il maglione di cashmere, se trattato con cura, può essere per sempre. Basta seguire queste regole

di Annalisa Testa

È la fibra più nobile, e la sua storia è quasi leggendaria.
Morbido, delicato, sinonimo di lusso. Il cashmere è per sempre. Ecco perché per una volta si può osare un po’ di più e puntare in alto, a un prodotto di qualità, che dura nel tempo.

I capi su cui investire sono i più classici, per evitare di ritrovarsi nel guardaroba un maglione impossibile da abbinare. La scelta è semplice: dal dolcevita con bottoni sul collo, al cardigan da portare anche con solo una t-shirt, o con un filato sottile da indossare con camicia botton dow, con i bottoncini sulle punte del colletto, sotto al blazer due bottoni, fino al cardigan a maglia grossa, con collo a scialle e taschine applicate da abbinare a denim e hiking boots in montagna, ma anche quello con la zip e cappuccio, come una felpa in versione luxury da buttarsi sulle spalle appena uscito dal campo sportivo. E poi, immancabile, il classico scollo a V e girocollo da portare in ufficio con cravattino in maglia tricot e nodo stretto.

Il maglione di cashmere è un capo che in un attimo può anche diventare unisex, che lei potrà indossare con un paio di jeans skinny e ankle boots, sensuale, con sotto solo la lingerie, o da infilare la mattina appena esce dal letto per andare a preparare il caffè. Ma la cosa più importante, dopo averlo scelto con cura, è trattarlo con un occhio di riguardo. Seguendo queste cinque regole:

- Può essere lavato a mano, a rovescio, meglio con un detersivo specifico, ma solo con acqua a fredda o con una temperatura che non superi i 35 gradi. Le fibre di cashmere sono vive, si rinnovano a ogni lavaggio.

- Spazzolarlo contropelo, spesso ma delicatamente.

- Evitare di strizzare il capo come si fa per uno strofinaccio. Meglio tamponarlo con due asciugamani, uno sopra l’altro sotto.

- Non indossare il maglione per più di uno o due giorni di seguito, meglio lasciarlo respirare.

- Durante i mesi estivi conservarlo in una busta chiusa, al buio, utilizzando un antitarme leggero da cambiare ogni due mesi.