Questo sito contribuisce alla audience di panorama

I cappelli dell’inverno: classico, eccentrico, rètro o casual


Tutti i cappelli della stagione autunno-inverno: dall’iconico borsalino al cilindro, dalla coppola al berretto con pon-pon. Sette modelli per sette stili

di Gaia Passi

Il cappello, per l'uomo, è sinonimo di stile: c'è chi sceglie un modello e non l'abbandona più e chi si lascia guidare dall'ispirazione del momento, cambiando a ogni nuova occasione. Classico, eccentrico, retrò o casual: ecco le tendenze per l'autunno-inverno 2014.

Ai grandi classici non si può rinunciare: Borsalino anno dopo anno rinnova le sue collezioni, declinando l'iconico fedora in colori e materiali diversi. Quest'anno il modello "50 grammi" batte tutti: leggerissimo, in feltro rasato, si può arrotolare e trasportare nell'apposita custodia. Da insossare con disinvoltura in ogni occasione. 

Chi preferisce distinguersi, dando al proprio look un tocco eccentrico, può osare la tesa larga con un colore insolito, come il giallo senape. 

La moda del tardo Ottocento ritorna insieme al cilindro: un tempo rigorosamente nero e indossato soltanto con abiti formali come il tight o il frac, oggi questo copricapo viene rilanciato in nuovi colori e materiali, come il modello Liza proposto da Cambiaghi in verde bosco o rosso bordeaux. Anche la bombetta, diventata un'opera d'arte grazie ai quadri di René Magritte, fa capolino nella moda invernale: nel modello di Super Duper Hats la forma è quella classica, il colore è un caldo caramello, da indossare anche di giorno. 

Per chi ama lo stile casual, Ralph Lauren propone la lana a coste con visiera, mentre Tommy Hilfiger rilancia la coppola: due modelli da indossare in città con un look informale. Infine, per il grande freddo o i weekend in montagna, non può mancare nell'armadio il cappello con pon-pon di lana a trecce: è fatto a mano in Irlanda quello di Richard James