Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Estate in città: cosa indossare in 8 pezzi da uomo


RedBull TV lancia Urbex, serie dedicata agli esploratori urbani e la moda prende ispirazione: tessuti dal peso piuma, orologi sportivi e scarpe hi-tech, ecco cosa indossare per l’estate in città

di Giuliana Matarrese

Esploratori urbani, che scelgono di conoscere la città dai suoi punti più alti, scenografici, e, possibilmente, pericolosi. Sono gli Urbex, crasi di Urban explorer, tribù giovanile la cui storia è al centro della serie tv omonima in otto puntate lanciate da RedBull Tv dal primo agosto. 

Dai grattacieli su Dubai ai ponti di Mosca, non c'è angolazione dalla quale questi atleti non conoscano le metropoli del mondo: un universo, il loro, che il prodotto televisivo esplora anche intervistando e raccontando le loro storie. 

Per chi, invece, esplora la città senza la necessità del brivido dell'altezza, ma ha bisogno di un guardaroba che si adatti alle alte temperature, è necessario puntare su pochi pezzi essenziali.

All'incrocio tra un approccio casual e materiali traspiranti, dall'appeal arioso senza trascendere in un look eccessivamente sportivo, si inizia dalla camicia, dai volumi morbidi, preferibilmente in chambray, tessuto estivo per eccellenza. Da portare aperta, con il colletto button-down slacciato, si apre sulla t-shirt, in colori chiari, in un cotone ultra-leggero. Chi non riesce a sostenere poi i pantaloni, può optare per degli shorts, a patto che siano dei chino in cotone, in nuance neutre, e magari con la riga centrale come quelli di Acne Studios, a ricordare modelli più formali.

Gli occhiali hanno profili moderni, essenziali, senza cedere alle tendenze modaiole che li vorrebbero con lenti colorate, come quelli di Moody, risultato di bozzetti del XVII secolo ritrovati sotto il sellino di un biciclo donato al bisnonno del fondatore del marchio, un giovane veneto, da un nobile dell'epoca. Montatura in metallo e terminali delle aste in acetato di cellulosa, sono grintosi senza risultare aggressivi. Per portare con sè documenti e il necessario ad una giornata di esplorazione urbana, è da preferire lo zaino, magari in tela o canvas, come quello di Ports 1961. Le scarpe adeguate sono invece sneakers, che uniscano linee essenziali a performance che concedono loro di rimanere confortevoli anche dopo una giornata di cammino: il modello adatto è la Modern Auckland di Converse, rivisitazione della scarpa da running del marchio tra gli anni settanta e ottanta. La tomaia in slip-knit che assicura una calzata confortevole e sicura, si abbina alla soletta in Phylon, con specifiche scanalature che si adattano ai movimenti e alle superfici. Complemento essenziale in città, l'orologio, prezioso ma adattabile come El Primero di Zenith, cassa in acciaio e bracciale in gomma. E se ad un tratto le temperature scendono? Comoda da mettere nello zaino, la giacca in tessuto tecnico di Moncler si declina su un camouflage urbano, ha tasche con zip e cappuccio. Per non farsi trovare impreparato da nessun clima.