Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Bretelle, tre consigli per indossarle


Tinta unita o scozzesi. Le bretelle entrano nel guardaroba maschile per accendere di colore un abito formale o dare un tocco elegante a jeans e cardigan.

di Annalisa Testa

Nate per sorreggere pantaloni con le pence così da far cadere alla perfezione l’orlo sulla tomaia della scarpa tirata a lucido. Le bretelle ritornano nel guardaroba maschile come accessorio di stagione, non più da nascondere sotto al blazer ma da mettere in mostra, anche con colori a contrasto.

Con abiti formali e sartoriali si scelgono quelle in seta, con occhielli in cuoio o pelle per allacciarla ai bottoni cuciti appositamente all’interno del girovita. Sotto allo smoking si indossano bretelle in candido moirè, un tessuto che ricorda le venature del legno. Quelle elastiche, invece, con clip metalliche dai colori e stampe più varie per un look casual, con denim, camicia bianca, papillon e cardigan al posto della giacca.

Per quelle con gli occhielli sarà premura del sarto cucire all'interno dei pantaloni i bottoni all'altezza corretta secondo la corporatura. Anteriormente il primo sarà posizionato in corrispondenza della pence, l'altro a 5-8 centimetri verso il fianco. I bottoni posteriori invece saranno cuciti simmetricamente ai lati dello spacco centrale.

Due regole fondamentali: si indossano rigorosamente senza cintura e si regolano in modo da mantenere  la Y, l’incrocio delle bretelle dietro la schiena, all’altezza delle scapole.