Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Abbigliamento e accessori da uomo per una vacanza in montagna


Dal sacco a pelo allo scarponcino ultratecnico fino al fornelletto da campeggio (di design). Ecco cosa serve per una vacanza in montagna

di Annalisa Testa

Il mare non è per tutti. C’è chi preferisce l’aria fresca al sole cocente di certe spiagge affollate. E chi tra una stanza a cinque stelle preferisce dormire sotto un cielo stellato. Ecco allora che bisogna preparar armi e bagagli per affrontare la vita outdoor o per partecipare all’evento top in programma questa stagione: il The North Face Mountain Festival, un week end all’insegna dell’avventura immersi in uno scenario naturalistico mozzafiato.

L’appuntamento è dal 16 al 18 settembre 2016 a Lauterbrunnen in Svizzera, ai piedi dell’Eiger, una delle vette più iconiche delle Alpi. Durante la due giorni sarà possibile partecipare a diverse attività: correre su percorsi di montagna, scalare una parete rocciosa insieme a un atleta esperto, imparare a cucinare pasti gourmet adatti alle esigenze in spedizione o condividere racconti di avventure intorno a un fuoco da campo oltre a partecipare a lezioni per imparare a preparare kit sopravvivenza, lezioni di parapendio, rafting e balli sotto le stelle.

Ecco così che l’attrezzatura è importante. Tende, sedie da campo, coperte e sacchi a pelo e kit per cucinare sono scelti con cura. La scelta è ampia, per esempio, sul sito di Rei, brand americano specializzato in attrezzatura outdoor. Anche il bagaglio è tecnico, ma leggero. Per i trent’anni The North Face riedita uno dei suoi prodotti più iconici – il Base Camp Duffel. È proposto in nuove varianti cromatiche arricchite da fantasie limited edition e alcune modifiche funzionali che lo rendono ancora più pratico: un nuovo scomparto con cerniera che permette di separare i vestiti bagnati, le scarpe sporche e l’attrezzatura extra senza sacrificare il volume e una nuova tasca laterale perfetta per smartphone, portafoglio e altri oggetti da tenere sempre a portata di mano.

In spalla servono zaini tecnici. Dal modello Formula di Ferrino, in leggerissimo Cubic Tech CTF3 con dorso imbottito e trapuntato in tessuto reticolare traspirante  e tasca sul cappuccio, allo zaino di Element della Camp Collection che collabora con Industrial Alchemy per progettare 4 nuove linee di borse tra cui The Explorer ispirato all’outdoor con  la parte inferiore in laminato, skate strap nascoste e finiture esterne in Duraflex.

Anche i capi sono studiati. Dynafit, azienda specializzata nell’alpine running, ha dato vita alla serie React Ultra che dota i runner di prodotti leggeri, tecnici e dall’ingombro minimo. In poco più di 450 grammi giacca e sovrapantalone protettivi, e t-shirt. Salomon propone invece il Park Midlayer, uno strato intermedio versatile e multifunzionale, da indossare al mattino presto o da sovrppore la sera: ha guscio in tessuto morbido e design essenziale.

Le scarpe sono ultra tecniche. Per chi ama scalare il modello top di gamma è Iguana di Scarpa pernsato anche per l’urban climbing con suola Vibram MEGAGRIP garantisce un grip ottimale su ogni appiglio. Per il trail invece  c’è la nuova Salomon SpeedRun 3GTX leggera, veloce e aggressiva, con interni in Gore-Tex per condizioni di freddo e bagnato eintersuola in EVA iniettata e sagomata che offre comfort e ammortizzazione. Infine Asolo, con i nuovi scarponcini Shiraz GV premiato nel 2014 come scarpone “Best All Around” dalla prestigiosa rivista americana Backpacker Magazine Gear Guide. Ha tomaia in Schoeller K-Teck, unita alla pelle scamosciata idrorepellente e alla fodera Gore-Tex® Perfomance Comfort Footwear garantisce massima impermeabilità, traspirabilità e comfort.