Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Patek Philippe Nautilus


Nato nel 1974 ricordava gli oblò delle navi. Ecco la nuova versione del protagonista storico dell’orologeria d’alta gamma

Con la cassa a conchiglia con cerniera laterale e la forma arrotondata, l’orologio lanciato dalla Patek Philippe nel 1974 ricordava gli oblò delle navi e anche il nome era ispirato al mare: Nautilus. Divenne di colpo un protagonista dell’orologeria d’alta gamma e pur essendo in acciaio costava più di un modello in oro sia per l’accuratezza della realizzazione sia per l’immenso prestigio della marca. In questi anni ha avuto numerose interpretazioni, anche in oro e con più funzioni. Quella illustrata ha la cassa (40 mm) in oro rosa impermeabile fino a 60 metri e presenta i quadrantini ausiliari con fasi di luna e datario (a lancetta) e quello con l’indicazione della riserva di carica. Gli indici sono in oro e la qualità (superba) e la precisione del movimento automatico di manifattura sono garantite dal Sigillo Patek.

Patek Philippe Nautilus, 36.150 euro.

Foto: Matthieu Lavanchy
Testo: Giampiero Negretti con Daniela Fagnola