Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Ermenegildo Zegna al naturale


La riconoscibilità scritta sul tessuto, con costanza. disegnando la silhouette con delicatezza, senza enfasi né svilimenti. Un viaggio di Icon nello stile secondo Zegna

Che cos’è oggi il made in Italy per un uomo? Una delle risposte più semplici ed efficaci è: Ermenegildo Zegna.

Pochi marchi, infatti, sono riusciti ad esportare l’eleganza italiana nel mondo sotto forma di completo maschile come questo brand. Certo, ci sono più di 100 anni di esperienza alle spalle (l’azienda è stata fondata nel 1910 a Trivero, sulle Alpi Biellesi).

Eppure, il successo e la riconoscibilità di un abito Zegna viene scritto, stagione dopo stagione, rever dopo rever, con una costanza maniacale. La magia proviene dall’armonia delle forme: la silhouette del corpo maschile non è mai enfatizzata né sminuita.

Giacche e pantaloni, infatti, rispondono a un imperativo categorico: la delicatezza. Si tratta di un’attitudine docile nell’assecondare spalle, busto e portamento. In questo modo, tutti i dettagli, dalla costruzione delle spalle alla linea dei pantaloni, hanno il dovere di unire tradizione e tendenza.

Per la nuova collezione estiva, poi, l’insistenza è passata dalla linea al tessuto, altro asso nella manica della maison. L’idea alla base è di mischiare superfici lucide e opache, con camosci e cotoni che si stagliano sulla seta. Nella collezione, infatti, si notano due mischie di grande fascino.

La prima viene definita “Microfilm” ed è una seta tecnologica dall’aria stropicciata resa croccante da una patina resinata.

La seconda è detta “Silko” e mescola seta e cotone con un finissaggio cerato. La stessa spericolatezza è riservata ai filati del jersey che viene composto da cashmere, lino e seta.

Da non dimenticare, poi, l’attenzione dedicata ad accessori come sandali, scarpe e borse: senza peccare di tradizionalismo o di futurismo, questo marchio è riuscito ad accontentare quella grande fascia di business men che non vogliono cedere alla moda ma che si vogliono anche affrancare dalla tradizione più polverosa. (simone corti)

Fashion contributor: Ilario Vilnius

Groomer: Norbert Cheminel

Model: Jacob Wiechmann@nestmodelmanagement.com, Bastian T@vivamodels.com, Christopher Bark@izaio.de

Styling: Andrea Tenerani

Foto: Paolo Zerbini