Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Bus 89, un blog che racconta Parigi


La città francese vista dall’autobus

di Micol De Pas

Tutti i giorni prende lo stesso autobus per raggiungere il suo lavoro. Ma tutti i giorni, su quello stesso autobus, incontra persone diverse. Oppure le osserva mentre camminano per strada, attraverso i finestrini. E nel giro di poche ore quei volti, quegli umori e quelle storie (immaginarie) approdano sul web.

Perché lei, Elisa Caroli, nata 26 anni fa a Cesena, ma ormai di casa a Parigi, di professione fa l’illustratrice. E il mondo lo guarda con occhi pittorici, narrativi.  Così ha scelto un mezzo di trasporto per veicolare i suoi racconti, in una sorta di giornalismo lento, a base di vicende minime, piccole per durata e intensità, ma perfette per descrivere una città grande come Parigi: il bus 89 .

Così si chiama il suo blog, «Nato alla fine del 2013, mentre frequentavo un corso all’Ensad (scuola di arti decorative, ndr): dovevamo disegnare qualcosa ogni giorno e io ho cominciato a fare qualche ritratto sull’autobus. Poi mi è venuta voglia di continuare: si incontra di tutto...», spiega Elisa. Che ha coniato una tecnica, quella del disegnare furtivo: «Prendo piccoli appunti su scontrini, biglietti, fogliettini, a volte solo cose scritte sul cellulare perché ho paura che le persone si sentano offese dal mio lavoro. Questo mio disegnare “come un ladro”, però, è divenuto parte del processo creativo», spiega.

Poi, raggiunta la scrivania, tutto prende forma: «Passo una mano di china nera e poi elaboro il disegno al computer. Mi è sempre piaciuto il paradosso per cui un mezzo freddo, come il pc o la rete, possa trasmettere emozioni e pensieri. Forse è questo il senso del mio blog».