speakeasy di Annalisa Testa

Gin addicted. Giornalista di Icon, Icon Design e Panorama. Assaggio cocktail (anche) per lavoro. E scrivo di lifestyle a 360 gradi.  Il mio sogno: sedermi al bancone di tutti i World’s 50 Best Bars. Sono quasi a metà dell’opera. Qui, e sul mio account Instagram @annalisatesta, i miei cocktail tour in giro per il mondo.

  1. Flirt meneghino

    La Cina seduce Milano con un cocktail dedicato all’Anno della Scimmia preparato dal guru della mixolgy del Mandarin Oriental

    continua
  2. La mela della tentazione

    Una pozione d’amore per la notte di San Valentino? Portatela al Trussardi alla Scala e fatele bere Appletru, il love cocktail della maison del Levriero

    continua
  3. Nightjar, arte proibita

    Difficile entrare. Ancor di più scegliere cosa bere. Mini racconto di una serata londinese nell’era del Proibizionismo.

    continua
  4. La Grapperia del Ponte

    Niente shaker né bartender giocolieri. A Bassano del Grappa l’aperitivo è easy. Si chiama Mezzo, se ne ordinano due alla volta e si sorseggia su quel ponte dedicato agli Alpini.

    continua
  5. Un Blend da Gentleman

    Divani in pelle, bancone in legno e la Johnnie Walker Blue Label edition dedicata a Milano. Una storia d’amore con il blend con fascino da gentleman e carattere scozzese.

    continua
  6. Una francese a New York

    Un tasting di Cîroc Vodka nei locali della Grande Mela. Questo il primo tour. In uno dei più affascinanti contemporary japanese izakaya.

    continua
  7. Declinazioni di Raw Denim

    Cannucce di lemongrass, foglie di cardamomo, spray al Sake e sciroppo di riso Basmati. Al The Stage c’è un cocktail per ogni ceviche.

    continua
  8. Un brunch da Armani

    Un’esperienza, più che un brunch. Con tanto di Champagne di benvenuto. E un cocktail sartoriale. In perfetto stile Armani.

    continua
  9. The Gin & Only

    Rooftop londinese. Un cocktail menù con 15 gin&tonic e le luci del London Bridge. Good night.

    continua