Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La prima moto Harley-Davidson elettrica


Si chiama LiveWire, fa 0-100 km/h in 4 secondi e rappresenta una rivoluzione epocale per la casa di Milwaukee

di Andrea Bressa

Probabilmente pochi avrebbero scommesso su una conversione 'eco' delle Harley-Davidson. E invece la rivoluzione è avvenuta: è stata presentata la prima storica Harley full electric, battezzata LiveWire.

La casa di Milwaukee ha messo da parte il caratteristico rombo (brevettato) dei mitici bicilindrici a V, per sfornare questa nuova silenziosissima due ruote elettrica, capace di raggiungere i 150 km/h e di accelerare da 0 a 100 km/h in 4 secondi.

Al momento è solo un prototipo, che Harley-Davidson intende testare nel corso dei prossimi due anni in quello che è stato denominato come il Project LiveWare Experience. Fino alla fine del 2014 una dozzina di esemplari solcheranno gli Stati Uniti lungo la celebre Route 66, toccando oltre 30 concessionarie, e verranno messi a disposizione di tutti gli amatori o dei curiosi per una prova esclusiva. L’obiettivo è raccogliere i feedback dei potenziali clienti, per verificare l’esistenza o meno di un mercato pronto a questo genere di offerta. Il tour delle Harley-Davidson LiveWire si sposterà poi nel 2015 anche in Europa.

Appare chiaro, anche dalla cautela con cui Harley sta pensando al lancio sul mercato, quanto la LiveWire sia un coraggioso quanto pericoloso azzardo. Ci saranno sicuramente harleysti più legati alla tradizione che storceranno il naso di fronte al silenzio della moto e alla mancanza di quella particolare sensazione legata alle vibrazioni del bicilindrico. E attenzione: l’autonomia non proprio concorrenziale (circa 85 km) e un tempo di ricarica delle batterie di 2 ore e mezzo non sono dati di grande aiuto per la nuova creatura Harley-Davidson.

Dalla sua, però, ha un design di tutto rispetto, che può facilmente conquistare anche clienti lontani dal mondo Harley.