Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Gli occhiali a realtà aumentata di Mini


I Mini Augmented Vision sono tra le più interessanti novità tecnologiche di Bmw. Saranno presentati al Salone di Shangai

di Andrea Bressa

Tra le tante interessanti novità di quest’anno nel campo delle auto, va certamente segnalata un’idea del Gruppo Bmw che guarda (letteralmente) al futuro. Al Salone di Shangai saranno presentati infatti i Mini Augmented Vision, un concept di occhiali in grado di cambiare radicalmente l’esperienza del guidatore.

Questo gadget unisce design e tecnologia in un unico strumento a realtà aumentata, capace di fornire a chi guida tutta una serie di informazioni su navigazione e infotainment che di solito provengono dal cruscotto o dalla plancia. Il fatto di averle direttamente sulle lenti degli occhiali permette di non dover staccare mai lo sguardo dalla strada, aumentando notevolmente il grado di sicurezza.

Con i Mini Augmented Vision, chi sta al volante può accedere a numerose funzioni, come per esempio le informazioni su segnaletica e velocità, le indicazioni di navigazione e la visualizzazione della telecamera posteriore in manovra. C’è anche la cosiddetta “visione a raggi X”, un’opzione che permette di vedere l’ambiente attorno al veicolo attraverso la struttura dello stesso, grazie a un sistema di telecamere che forniscono una sorta di effetto trasparente.

Non è un caso che Bmw abbia voluto abbinare questa innovazione al suo marchio più smart, ossia Mini. Perché se già l’idea non fosse abbastanza accattivante, i Mini Augmented Vision hanno dalla loro anche uno stile, a parer nostro, molto bello, con quelle linee vintage che riprendono chiaramente i vecchi occhialoni da aviatore.