Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La barca a vela più grande al Salone di Genova: 5 cose da sapere


80 DC è una originale imbarcazione per lunghe crociere, firmata da Brenta con Michael Schmidt e David Chipperfield

di Martino De Mori

Ventiquattro metri: al Salone Nautico 2015 di Genova la barca a vela più grande è stata la Brenta 80 DC, che ha anche ottenuto il premio Premio Barca dell'Anno 2015 di Vela e Motore nella categoria “Imbarcazione a vela”. Ma non è solo la dimensione che conta, andiamo a scoprire questa splendida imbarcazione in 5 caratteristiche.

Origini
L'imbarcazione è stata creata nei cantieri Hanse del costruttore Michael Schmidt (che dopo avere venduto la sua azienda ha navigato per i mari per due anni) insieme all'italiana Brenta Design e l'archistar Sir David Chipperfield. Questo mix di esperienze e competenze ha dato vita a un prodotto assolutamente originale e fuori dai canoni, la cui chiave è l'essenzialità.

Numeri
Lunga 23,99 metri, larga 21,75 nel suo punto più grande, pesa 30.900 chili ed è governata da doppio timone. La vela principale ha una superficie di 188 metri quadrati, il gennaker arriva a 403 metri quadrati. Il motore è uno Yanmar da 240 cavalli con serbatoio da 900 litri. La cisterna dell'acqua porta 900 litri.

Design
Il DC80 è uno yacht monoalbero adatto a crociere transoceaniche senza la necessità di un ampio equipaggio. È leggero, con una struttura organizzata su tre livelli e un design allargato al centro che dà una sensazione di eleganza classica e di sicurezza nella navigazione.

Relax
La cabina dell'armatore, intima e appartata, occupa oltre un quarto della lunghezza disponibile sotto il ponte e sfocia su una terrazza con ingresso separato e ampio spazio per il relax. Ci sono anche un salone, una stanza ospiti e un cucinino.

Feeling unico
Gli interni progettati da Chipperfield (possessore di una Brenta 42) sono all'insegna dell'understatement e della praticità, una combinazione che vuole trasmettere un forte feeling fra il cliente e la sua barca. L'arredamento è lontano dagli stereotipi navali e domestici, con angoli tondeggianti, superfici piane e niente fronzoli.