Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Alfa Romeo 4C in realtà aumentata


Il libretto di manutenzione della supercar Alfa sta tutto in una speciale app per smartphone

di Andrea Bressa

Il libretto di manutenzione diventa interattivo. Addio agli gli ingombranti manuali cartacei che occupano spazio nel cruscotto: Alfa Romeo, in collaborazione con l’azienda di software SEAC02, ha sviluppato l’applicazione mobile AR+ (disponibile per i clienti Alfa su App Store o Google Play nel pacchetto Alfa Romeo InfoMobile), grazie alla quale è possibile consultare il libretto di Uso e Manutenzione della nuova Alfa Romeo 4C attraverso il proprio smartphone, con una visualizzazione in realtà aumentata. È sufficiente inquadrare un elemento della vettura con la fotocamera del cellulare per vedersi restituire tutte le informazioni in merito, sotto forma di contenuti multimediali.

Sono oltre mille i punti inquadrabili, riconoscibili da svariate angolazioni e diverse condizioni di luce. Inquadrando il tappo dell’olio, per esempio, è possibile scoprire quando è necessario effettuare il cambio, oppure si può conoscere la giusta pressione delle gomme semplicemente mirando alle ruote.

Inoltre, quattro hot spot di tipo avanzato forniscono alcuni contenuti speciali. Uno è il cambio Alfa TCT, che prevede un’interazione più attiva e un video che spiega la funzione ‘Launch Control’. Il secondo è il selettore di guida, con un’illustrazione dettagliata sulle quattro modalità, Natural, Dynamic, All Weather e Alfa Race. Un terzo hot spot è per l’autoradio e le sue funzioni e configurazioni. L’ultimo è dedicato al quadro strumenti TFT.

I contenuti del Libretto d’Uso e Manutenzione AR+ sono su cloud: i clienti possono scaricare quelli di cui hanno bisogno o fare aggiornamenti in tempo reale da remoto, senza dover avere per forza il manuale più recente.

La piattaforma di sviluppo appare infine particolarmente flessibile, dato che si possono aggiungere ulteriori punti sensibili da connettere o altri manuali per nuove vetture. Sono già in programma, infatti, quelli per la Giulietta e la MiTo.