Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Abarth 695 Biposto, la più piccola supercar


Pensato per la pista, arriva anche su strada lo ‘scorpione’ più veloce mai realizzato dall’azienda torinese

di Andrea Bressa


Chi ha detto che una supercar deve per forza avere grandi dimensioni? L’esempio che smentisce la regola è la nuova Abarth 695 Biposto, l’ultimo gioiello della scuderia torinese sviluppato pensando alla pista, ma dedicato anche alla guida su strada.

La piccola 500 ritoccata sotto il segno dello Scorpione presenta dati e prestazioni capaci di concorrere con quelli delle più grandi e blasonate cugine, a un prezzo che si attesta intorno ai 39mila euro. Sotto il cofano troviamo il 1.4 T-jet, motore 4 cilindri in linea da 1368 centimetri cubici, in grado di sprigionare 190 cavalli: non molti in termini assoluti, ma lavorando con le dimensioni ridotte e il peso della 695 (appena 997 chili, con un rapporto peso/potenza di 5,2 Kg/CV), risultano sufficienti per spingere il piccolo bolide fino a 230 km/h di velocità, consentendo inoltre un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,9 secondi. Secondo la casa si tratta del modello Abarth più veloce di sempre.

Al raggiungimento di questi dati concorrono anche le carreggiate allargate e il corpo della vettura reso molto compatto, con passo corto e sbalzi ridotti. E naturalmente una gestione degli spazi, delle architetture e delle tecnologie che proviene dal mondo delle corse: come l’abitacolo essenziale, senza i sedili posteriori, o dettagli tecnici come l'intercooler frontale maggiorato, il sistema di scarico Abarth by Akrapovic con valvola attiva, gli ammortizzatori regolabili, il sistema frenante Brembo su cerchi OZ da 18 pollici ultraleggeri, e la light rollbar in titanio Poggipolini.

Una raffinatezza è sicuramente il cambio manuale tipo H, per la prima volta inserito su un’auto stradale Abarth. È abbinato a una frizione da corsa e differenziale autobloccante: tradotto significa che i guidatori più esperti possono cambiare senza usare la frizione.