Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Toronto, 3 locali dove mangiare l’hamburger di alce


Tipica del Canada questa carne è magra, saporita e perfetta per i panini, oltre ad essere un piatto che riscuote successo

Di manzo, di pollo, di tacchino. E di alce, no? Gli appassionati di hamburger azzardino l’assaggio. Ma solo se si trovano nella patria del mammifero dalle grandi corna: il Canada, e in particolare, Toronto.

Innanzitutto, la carne di alce si caratterizza per essere molto succosa, dal lieve retrogusto selvatico e dalla consistenza uguale a quella di cervo. Anche perché l’elk canadese altro non è che un enorme cervo nativo proprio del nord America e che in Canada chiamano familiarmente anche wapiti.

Ora, uno dei posti migliori dove assaggiarlo a Toronto è al Junction Local, un ristorante aperto di recente che nel suo menù propone la classica polpetta di carne di alce tra due fette di pan brioche arricchite con cheddar invecchiato, pancetta croccate, insaporite da marmellata, scalogno fritto, piselli e maionese. Qui, se vi andrà di fare due chiacchiere, potete chiedere del proprietario: Gino Benevenga, originario della Costiera Amalfitana, che ha scelto il quartiere di Junction, da cui il locale ha preso il nome, perché gli ricorda un po’ casa e i piccoli paesini del sud d'Italia.

Nel quartiere Distillery District, che prende il nome dalla una gigantesca distilleria che fino a qualche decennio fa era la più grande del pianeta, si trova un altro locale da provare per i suoi Elk Burger. Si chiama Beer Hall e qua l'hamburger di alce viene presentato su un panino al sesamo spalmato di salsa piccante Sriracha aioli e adagiato su un letto di pancetta, cheddar a pasta bianca della Ottawa Valley, e guarnito con sottaceti dolci.

Per chi volesse fare un'ulteriore prova, da testare c’è anche lo Union Restaurant dove l’alce viene servito come Elk Sliders, ovvero piccoli hamburger aperti su fette di pane Challah (una treccia di tradizione ebraica) insaporiti da galangal glassato (zenzero thailandese) in salsa di riso dolce (mirin) e sottaceti. E per i più curiosi, sul sito del ristorante si trova anche una mappa con la provenienza di tutti gli ingredienti proposti in carta.

Scopri altri hamburger speciali, le ricette d'autore e una versione deluxe