Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Olio sferificato, perché usarlo


Piccole bolle di olio di oliva, anche aromatizzato, per rendere ogni piatto un’esperienza sensoriale, come fanno gli chef più creativi del mondo

di Marina Mauri

Caviaroli nasce grazie a un processo messo a punto dal geniale chef catalano Ferran Adrià, la sferificazione, per il quale gocce d'olio vengono imprigionate in una piccola "bolla". In questo modo è possibile dosare con precisione la quantità e decidere il momento in cui, durante l'assaggio, l'aroma dell'olio esplode in bocca esaltando il sapore della preparazione.

Con le sfere Caviaroli il condimento di piatti freddi e caldi (si sciolgono solo a 60 gradi) diventa un modo per rendere unica una preparazione, come ben sanno gli chef  internazionali come Quique Dacosta (per una sua ricetta leggi qui). Le piccole perle ambrate sono ora disponibili, anche per i foodie più raffinati, in sei varietà: olio di oliva, olio di sesamo, olio di nocciola e i due oli aromatizzati al peperoncino e al rosmarino. Sono una soluzione perfetta per ogni tipo di finger food, a base di verdure, pesce e carne, ma anche per insalate di pasta o riso, tanto per cominciare a sperimentare.

Caviaroli è distribuito in Italia da Tartuflanghe, azienda già nota per le specialità al tartufo, che con la propria gamma Perlage ha voluto interpretare la sferificazione con i profumi mediterranei: tartufo e pesto.