Questo sito contribuisce alla audience di panorama

iGrill, il termometro per controllare la temperatura sul barbecue


Una tecnologia per cuocere la carne, con collegamento Bluetooth a device Apple e Android

di Aldo Fresia

Di fronte alle ricette super precise, che indicano pesi e tempi di cottura con la massima accuratezza, le nonne e le mamme di una certa età fanno spesso spallucce: dal loro punto di vista, decenni d'esperienza hanno trasformato concetti vaghi come manciata o pizzico in metri di misura infallibili. E la cottura, va da sé, si giudica a occhio. I cambiamenti della vita moderna hanno però reso difficile, se non impossibile, assorbire queste conoscenze assistendo alla preparazione di innumerevoli ricette. E se il brasato sta progressivamente uscendo dalle abitudini quotidiane, anche cucinare una bistecca sul barbecue può nascondere difficoltà. È qui che torna utile iGrill, un termometro a sonda che si interfaccia con dispositivi Apple e Android.

Realizzato dall'azienda iDevices e dotato da una a quattro sonde a seconda del modello, iGrill controlla la temperatura interna di bistecche, polli e carni varie. In questo modo sono facilmente gestibili indicazioni come quella secondo la quale una bistecca al sangue deve avere una temperatura al cuore (cioè nel punto più profondo) di 50 gradi centigradi, oppure che uno stinco di vitello dev'essere cotto a 78 gradi.

Il collegamento Bluetooth consente di fare una cosa che alcuni cuochi non farebbero mai, ma che altri potrebbero apprezzare: allontanarsi dal barbecue (non oltre i 30 metri) tenendo d'occhio la situazione sul proprio smartphone, magari impostando una sveglia nel caso la temperatura scenda al di sotto di un certo limite.