Questo sito contribuisce alla audience di panorama

La granita, inedita con il Vermut


Il gruppo Branca ha festeggiato il compleanno del Vermut Carpano presentato per l’occasione in una nuova e inedita veste

di Francesca Martinengo

Ha compiuto 230 anni (1786-2016): è la Carpano, la storica azienda che inventò il Vermut, il vino aromatizzato Made in Italy sempre più famoso nel mondo. Per la precisione Made in Turin, perché fu qui in una bottega del centro che l’erborista Antonio Benedetto Carpano, mescolando erbe e spezie con il vino moscato, inventò la formula del Vermut. Dato che la sua rivendita era di fronte a Palazzo Reale, Carpano inviò una cesta di Vermut a Re Vittorio Amedeo II: da allora il liquore divenne la bevanda preferita di Casa Savoia e l’aperitivo per eccellenza, prima di Torino, poi d’Italia. Storici gli estimatori: Cavour, Rattazzi, D’Azeglio, Verdi…
Poche settimane fa Branca ha celebrato il compleanno del Vermut Carpano proprio in quella che fu lo storico stabilimento Carpano e che oggi ospita Eataly. Per l’occasione il ristorante stellato Casa Vicina ha preparato il Vermut in una nuova veste: “Noi abbiamo già – dice lo chef Claudio Vicina - la Bagna Cauda che serviamo nelle coppe Martini come omaggio a Torino. Per continuare e innovare questa tradizione, abbiamo deciso di proporre il Vermut come dessert, quindi alla fine del menù, anziché come aperitivo. Da qui la granita, che si può fare anche tranquillamente a casa. La parte alcolica viene diluita con acqua e succo di arancia, poi il mix viene fatto ghiacciare e servito. Infine decoriamo con una guarnizione di cioccolato fondente e di scorzette di arancia". Ecco la ricetta ideale per i primi caldi della stagione, con quel piacevole amaro in più dato dal Vermut.

Granita Antica Formula Carpano per 4 persone

500 g Vermut antica formula Carpano
200 g spremuta di arancia
100 g acqua
10 gocce di limone
Miscelare il tutto e ghiacciare come una granita. Servire in un bicchiere ben freddo, guarnire con scorza di arancia candita e cioccolato fondente.