Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Ghiaccio nei cocktail: tutte le forme possibili


Da Melbourne a Chicago, passando per l’Italia, ecco alcuni esempi delle soluzioni adottate nel mondo

di Aldo Fresia

Son capaci tutti di preparare una granatina o dei normali cubetti di ghiaccio, ma nel mondo dei cocktail le cose sono un po' più complesse. Non a caso, i bartender di un certo livello dedicano tempo ed energie alle macchine per il ghiaccio oppure agli utensili adatti per ricavarne il pezzo giusto a partire da un grande blocco.

Perché sì, la forma e il taglio non sono solo un orpello: determinano il risultato finale. E c'è un motivo molto serio se il consiglio è di utilizzare un grosso pezzo di ghiaccio per il Negroni e piccoli cubetti per un Old Fashioned. Cambiano l'impatto sulla temperatura del cocktail e la quantità di acqua che, sciogliendosi, si mescola agli ingredienti.

Geoff Fewell, capo barman del Lui Bar di Melbourne, non apre i battenti del locale senza una scorta di blocchi di ghiaccio da 40 chili da tagliare e scalpellare di fronte ai clienti e a seconda del tipo di cocktail richiesto. Gli utensili del caso spaziano fra diversi tipi di scalpello e comprendono anche la classica mannaia da carne e un particolare tipo di sega giapponese – quest'ultima serve per tagliare grosse fette e richiede un certo sforzo fisico.

Presso il bancone del Lui Bar c'è anche una pressa giapponese che realizza sfere di ghiaccio: hanno il medesimo volume dei cubetti ma con una minore superficie, e dunque si sciolgono più lentamente. È la soluzione adottata da Geoff Fewell per il Negroni.

Attraversando l'Oceano Pacifico e arrivando fino a Chicago, troviamo il The Aviary Bar, che offre ben 37 tipi diversi di ghiaccio e dove si sono inventati un modo particolarissimo di servire l'Old Fashioned: realizzano una forma di ghiaccio più o meno sferica e con l'interno cavo, dove con una siringa inseriscono gli ingredienti del cocktail un attimo prima di servirlo. Al cliente resta solo da rompere il ghiaccio e gustare questa curiosa variante: non il tradizionale on the rocks, bensì in the rocks.

In Italia, fra le altre cose, si segnala l'iniziativa di Pininfarina, che ha ricevuto da Chivas Regal il compito di realizzare una speciale pressa per creare una grossa goccia di ghiaccio da accompagnare al Chivas 18.