Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Freschi e di carattere, i cocktail estivi consigliati dal venezuelano Luis Hidalgo


Vive in Italia da 10 anni ed è alla guida del bar di Terrazza Triennale: ecco i consigli per la stagione calda da uno che di caldo se ne intende

di Aldo Fresia

I cocktail hanno spesso ingredienti con un'alta gradazione alcolica, ma se miscelati nel modo giusto e gustati senza esagerare restano comunque una valida bevanda estiva. A maggior ragione se li prepara Luis Hidalgo, venezuelano che per anni ha lavorato nei paesi caldi e dunque sa come rinfrescare i propri clienti.

Hidalgo si forma sul campo iniziando a lavorare a 17 anni, quando, terminato l'anno scolastico, un amico che ha appena aperto un bar a Caracas gli chiede una mano. Il suo compito dovrebbe essere di portare il ghiaccio e fare cose semplici aiutando dove serve, ma già la prima sera c'è il pienone e così gli insegnano al volo la ricetta del gin tonic: lui esegue e scopre una passione. Da qui in avanti la formazione pratica procede spedita e Luis impara ad assecondare i gusti dei clienti e adeguare di conseguenza le ricette dei cocktail.

Non mancano studi più strutturati, come la laurea in marketing e i corsi di aggiornamento dedicati alla mixology. Grazie a questi ultimi scopre il flair (lo stile acrobatico), che pratica soprattutto quando si trasferisce in Repubblica Dominicana. Dopo aver trascorso 7 anni nell'isola caraibica si trasferisce in Italia, dove ormai vive e lavora da 10 anni.

Un cocktail estivo prevede spesso succhi di frutta e sciroppi, e il fatto di aver viaggiato consente a Luis di recuperare ingredienti fuori dalla norma, come ad esempio il succo di guana importato direttamente dal Brasile. Soprattutto, però, è fondamentale mescolare con sapienza gli ingredienti alcolici. Ed è qui che l'esperienza paga, quello stesso tipo di esperienza che ha permesso a Hidalgo di modificare l'Alessia, una delle sue ricette storiche: il passaggio dai tropici all'Italia l'ha portato infatti a ridurne la dolcezza, perché noi occidentali preferiamo i gusti amari e secchi.

Nella gallery che apre questo pezzo ci sono alcuni cocktail, compreso l'Alessia, che possiamo provare a riprodurre a casa oppure possiamo chiedere direttamente a Hidalgo andandolo a trovare al bar di Terrazza Triennale, che come suggerisce il nome si trova sulla Terrazza della Triennale di Milano, l'istituzione culturale all'interno di Parco Sempione. E se volete fargli piacere, chiedetegli delle sue passioni oltre ai cocktail: la musica e gli sport estremi.