Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Frittelle di Carnevale: le più buone le trovate qui


Regione per regione, ecco le delizie fritte (e al forno) più golose del periodo pre pasquale. E dove andare per assaggiare le migliori

di Chiara Degl’Innocenti

Regione che vai dolci di Carnevale che trovi. E anche se da nord a sud le ricette variano di qualche ingrediente e cambiano nome, il risultato resta sempre lo stesso: bocconi gustosi per lo più fritti.

In Veneto spopola la frìtola, la frittella veneziana mangiata fin dai tempi di Marco Polo ripiena di crema o zabaione. Un altro dolce carnevalesco locale sono i galani, una sfoglia di pasta fritta ricoperta di zucchero a velo che riproduce i nastri delle dame del ‘700. I puristi li distinguono dai crostoli, stesso impasto ma molto più sottile e friabile, che in Piemonte e Liguria prendono il nome di bugie di Carnevale.

In Toscana invece li chiamano cenci, ma la ricetta resta pressoché immutata: strisce di un impasto di farina fritto nell’olio o cotto al forno (nelle varianti più light) e servito spolverato di zucchero a velo. Altro dolce delle feste è il berlingozzo, una grande ciambella burrosa al gusto di limone o arancia cotta al forno, mangiata il giovedì grasso, il cui nome deriva dalla maschera quattrocentesca del Berlingaccio. Mentre gli appassionati di anice ritrovano a Carnevale gli storici brigidini, sfoglie di farina e uova al gusto di anice. Si trovano nel Lazio le castagnole, ravioli vuoti di pasta fritta ma che, secondo la fantasia e la città vengono riempiti di crema pasticcera, confettura e ricotta aromatizzata.

In Umbria, la cicerchiata è il dolce che va per la maggiore in questo periodo dell’anno ed è ricoperto di miele e poi fritto.

Sempre rivestiti da uno strato di miele sono i caragnoli che vengono apprezzati in Molise.

Scendendo più a sud, la tradizione siciliana propone le teste di turco, un dolce al cucchiaio che venne preparato la prima volta per festeggiare la sconfitta degli Arabi da parte dei normanni, e la pignolata, gnocchetti di pasta dorati in olio bollente.

E per chi volesse gustare queste leccornie, ecco qualche indirizzo utile:

A Venezia, Tonolo Calle de San Pantalon 3764 oppure la Pasticceria Bar Rizzardini, S. Polo 1415 Campiello dei Meloni.

A Torino c’è la Pasticcerai Capello in via Asinari di Bernezzo 48 o la Pasticceria Medico in via Martiri della Libertà, 4. Altrimenti, la Pasticceria Colosseo di via M. Cristina 69.

Da provare la Pasticceria Querci Vieusseux, piazza Giampietro Vieusseux, 2 a Firenze o la Pasticceria Nencioni Falai, via Pietrapiana, 24/r.

I migliori dolci di Carnevale di Roma si trovano al Panificio Gabriele Bonci, via Trionfale, 36 oppure da Roscioli, via dei Chiavari, 34.