Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Courmayeur, alta cucina sul Monte Bianco


Dal 26 al 28 gennaio al via la prima edizione del festival gastronimico del Monte Bianco, Taste of Courmayeur. Ecco dove incontrare i grandi chef e assaggiare i loro piatti gourmand, dentro e fuori Taste

di Annalisa Testa

C’è la montagna per chi è appassionato di escursioni nella neve e sandwich nello zaino. E poi c’è la montagna per chi la cucina viene prima di ogni cosa. Soprattutto quando è gourmand. Accade a Courmayer tra le mani di un giovane chef talentuoso non solo in fatto di elaborazioni culinarie, ma anche in ingegnosità nell’arte dell’impiattamento.

Leggi anche: Le grappe in tavola, dall'antipasto al dolce.

Approdato da pochi mesi al Grand Hotel Royal e Golf allo chef Paolo Griffa è stata affidata la direzione dei tre ristoranti storici della struttura, il Grand Royal, ristorante principale, dove degustare le specialità valdostane e la cucina internazionale, il Petit Royal, ristorante intimo e raffinato dedicato alla Haute Cuisine, e la Tour Malluquin una torre del Seicento dove è possibile riservare un unico tavolo per massimo due persone. Griffa firma piatti che confermano la sua cifra stilistica. Un menù divertente basato sul gioco del regolo. L’ospite sceglie semplici materie prime attorno alle quali lo chef crea ogni giorno ricette nuove.

Leggi anche: Cioccolato al maschile, quale scegliere.

Da provare la crepinette di cervo e foie gras con cavoletti di Bruxelles, tartufo nero, sedano rapa e remoulade con semi di senape fritti, “tom yam” di astice, linguine di semola risottate con bisque di astice e filetto di cervo laccato alla resina di pino. Un’occasione unica anche per salire in vetta e incontrare grandi firme della cucina stellata con il primo appuntamento gourmet in quota. Ecco il Taste of Courmayeur (26-28 gennaio), una giostra culinaria ricca di musica, eventi e sapori da tutta Italia.

Sei ristoranti, sei chef da tutta Italia e un menu di 24 piatti in formato degustazione ideati per l’occasione dagli chef Giulio Coppola del Ristorante La Galleria di Gragnano,  Daniele Usai del Ristorante Il Tino di Fiumicino, Cristian Santandrea e Maria Probst de La Tenda Rossa di Cerbaia in Val di Pesa e Paolo Trippini del Ristorante Trippini a Civitella del Lago.