Questo sito contribuisce alla audience di panorama

Birra artigianale, le migliori 50 ricette


In un libro appena uscito, una guida pratica per preparare la birra seguendo le ricette dei migliori birrifici artigianali del mondo

di Marina Mauri

A un panorama sempre più ricco di offerte provenienti da fornitissime birrerie o dallo scaffale del supermercato carico di bottiglie di stout, pale ale, lager, negli ultimi anni si sono aggiunte le numerose proposte di birre artigianali provenienti da tutto il mondo. Non stupisce la notizia di questi giorni che Unesco ha aggiunto la birra belga alla lista che elenca il Patrimonio intangibile dell'Umanità, attribuendo alla bevanda una valenza culturale. "La birra viene utilizzata nelle comunità anche per cucinare, realizzare prodotti alimentari, e accompagnare il cibo", ha affermato l'Unesco in una nota, senza contare che "svolge un ruolo nella vita quotidiana, così come nelle occasioni di festa", e continua, "nel Paese si producono quasi 1.500 tipi, utilizzando differenti metodi di fermentazione".
Non è poi così strano allora pensare di produrre la propria birra. La spinta è identica (o quasi) a quella che ci mette ai fornelli, quotidianamente o di tanto in tanto, per necessità o passione. Gli elementi fondamentali sono in entrambi i casi attrezzatura adatta, ingredienti, ricette su cui contare e voglia di sperimentare. Questa la premessa della guida appena pubblicata da Guido Tommasi Editore: il volume Birra artigianale di Euan Ferguson, autore del libro Drink London e di numerose recensioni di bar e pub pubblicate su Time Out London, testata con cui collabora da lungo tempo anche come editor.

Il libro ha una parte introduttiva nella quale vengono elencate le attrezzature necessarie, spiegati gli ingredienti e il procedimento da seguire passo dopo passo. Nei capitoli successivi invece le 50 ricette sono organizzate per tipologia di birra: di frumento, saison e sour; pale ale, IPA e lager; stout, porter e nera; brown, belgian, bitter e strong. Ciascuna ricetta è introdotta da una scheda che racconta il birrificio di provenienza. Si tratta di un vero e proprio viaggio che parte dall'esplorazione della Gran Bretagna per arrivare in Nuova Zelanda, dopo aver percorso Europa, Stati Uniti e Australia. Per appassionati o aspiranti mastri birrai.