Questo sito contribuisce alla audience di panorama

I 50 migliori ristoranti del 2014: vince il Noma


El Cellar de Can Roca e Osteria Francescana completano il podio del premio internazionale

di Aldo Fresia

Il Noma di Copenhagen riconquista la vetta (l'anno scorso era secondo), scalzando El Cellar de Can Roca (che era primo), mentre l'Osteria Francescana conferma la terza posizione già occupata nel 2013. Questo il podio della World's 50 Best Restaurants 2014, la classifica definitiva della ristorazione mondiale.

La votazione ha coinvolto 936 giurati scelti fra i più autorevoli rappresentanti del settore gastronomico e provenienti da tutto il mondo. Per garantire la massima copertura, ogni anno vengono identificate 26 diverse aree geografiche, che possono comprendere anche più stati; ognuna di queste aree è rappresentata 36 persone.

Ogni giurato esprime sette preferenze, delle quali almeno tre devono essere attribuite a ristoranti al di fuori della propria area. Perché il voto sia valido non può essere dato a un ristorante posseduto dal giurato o in qualche modo legato ai suoi interessi. Inoltre, bisogna avervi cenato almeno una volta negli ultimi 18 mesi.

Ed ecco i 50 premiati dall'edizione 2014 – l'Italia perde uno dei quattro ristoranti in classifica nel 2013, il Comba.Zero di Davide Scabin. Per il resto, oltre alla conferma dell'Osteria Francescana di chef Massimo Bottura, ci sono Piazza Duomo di chef Enrico Crippa (che guadagna due posizioni e si piazza 39°) e Le Calandre di chef Massimiliano Alajmo (in calo dalla posizione 27 alla 46).

1 – Noma (Copenhagen, Danimarca)

2 – El Cellar de Can Roca (Girona, Spagna)

3 – Osteria Francescana (Modena, Italia)

4 – Eleven Madison Park (New York, Stati Uniti)

5 – Dinner by Heston Blumenthal (Londra, Inghilterra)

6 – Mugaritz (San Sebastian, Spagna)

7 – D.O.M. (San Paolo, Brasile)

8 – Arzak (San Sebastian, Spagna)

9 – Alinea (Chicago, Stati Uniti)

10 – The Ledbury (Londra, Inghilterra)

11 – Mirazur (Menton, Francia)

12 – Vendôme (Bergisch Gladbach, Germania)

13 – Nahm (Bangkok, Tailandia)

14 – Narisawa (Tokyo, Giappone)

15 – Central (Lima, Perù)

16 – Steirereck (Vienna, Austria)

17 – Gaggan (Bangkok, Tailandia)

18 – Astrid y Gastón (Lima, Perù)

19 – Fäviken (Järpen, Svezia)

20 – Pujol (Città del Messico, Messico)

21 – Le Bernardin (New York, Stati Uniti)

22 – Vila Joya (Albufeira, Portogallo)

23 – Restaurant Frantzén (Stoccolma, Svezia)

24 – Amber (Hong Kong, Cina)

25 – L'Arpége (Parigi, Francia)

26 – Azurmendi (Larrabetzu, Spagna)

27 – Le Chateaubriand (Parigi, Francia)

28 – Aqua (Wolfsburg, Germania)

29 – De Librije (Zwolle, Paesi Bassi)

30 – Per Se (New York, Stati Uniti)

31 – L’Atelier Saint-Germain de Joël Robuchon (Parigi, Francia)

32 – Attica (Melbourne, Australia)

33 – Nihonryori RyuGin (Tokyo, Giappone)

34 – Asador Etxebarri (Atxondo, Spagna)

35 – Martín Berasategui (San Sebastian, Spagna)

36 – Mani (San Paolo, Brasile)

37 – Restaurant Andre (Singapore)

38 – L’Astrance (Parigi, Francia)

39 – Piazza Duomo (Alba, Italia)

40 – Daniel (New York, Stati Uniti)

41 – Quique Dacosta (Dénia, Spagna)

42 – Geranium (Copenhagen, Danimarca)

43 – Schloss Schauenstein (Fürstenau, Svizzera)

44 – The French Laundry (Yountville, New York)

45 – Hof Van Cleve (Kruishoutem, Belgio)

46 – Le Calandre (Rubano, Italia)

47 – The Fat Duck (Bray, Inghilterra)

48 – The Test Kitchen (Cape Town, Sud Africa)

49 – Coi (San Francisco, Stati Uniti)
50 – Waku Ghin (Singapore)